La Notte Della Taranta accoglie i turisti con flash mob in stazione

308

LECCE – Hanno dato vita ad un insolito flash mob di pizzica nella stazione ferroviaria di Lecce, i musicisti e i ballerini de La Notte della Taranta che hanno accolto a ritmo di tamburello i turisti e i salentini di ritorno in Puglia per le festività natalizie.

All’arrivo dei treni, ieri sera, tra i binari e sul piazzale della stazione di via don Bosco, la pizzica salentina ha coinvolto i passeggeri in un’allegra e festosa ronda.

“Più siamo, più ci pizzichiamo”. Questo l’invito comparso sulle pagine ufficiali de La Notte della Taranta che ha acceso l’interesse dei viaggiatori. La stazione di Lecce tra lo stupore dei passeggeri  si è trasformata in un palcoscenico gioioso e inclusivo.

Flash mob di pizzica anche davanti all’ingresso principale del Castello Carlo V.  In una Lecce invasa dai visitatori i ballerini de La Notte della Taranta hanno regalato al pubblico una piacevole sosta con la musica e la danza del Salento.

Le sorprese live della Taranta hanno anticipato la grande festa al Teatro Politeama Greco per l’uscita del nuovo Cd dell’Orchestra Popolare che raccoglie 20 autentici capolavori della tradizione musicale salentina.

Sold out per la band ambasciatrice ufficiale della pizzica nel mondo. Una sequenza di canzoni e ballate, interpretate daAntonio Amato, Giancarlo Paglialunga, Alessandra Caiulo e Alessia Tondo, hanno infiammato il pubblico del Politeama.

Ad aprire il concerto l’esecuzione della Strina, canto della tradizione salentina dedicato alle festivitàInterrotta dagli applausi a scena aperta l’interpretazione della romantica “Damme nu ricciu” di Antonio Amato. Il pubblico non ha resistito alle travolgenti note di Aria Caddhipulina e, come sempre accade negli spettacoli dell’Orchestra, ha abbandonato le poltrone del teatro per danzare insieme ai ballerini della Taranta tutti insieme sotto palco.

Applausi per l’Orchestra guidata da Daniele Durante, anche dal parterre che ospitava il Procuratore Capo di LecceLeonardo Leone De Castris, il vice questore vicario Nicola Miriello, l’assessore dell’Industria Turistica e Culturale di Puglia Loredana Capone, il capo di gabinetto della presidenza della Regione Puglia Claudio Stefanazzi, il direttore di Campania, Basilicata, Calabria e Puglia di Intesa Sanpaolo Francesco Guido.

Il nuovo CD dell’Orchestra Popolare prodotto dalla Fondazione, ha spiegato il presidente Massimo Manera, è interamente realizzato nel Salento: booklet creato da Francesco Maggiore per BigSur,  registrato da Sudest Studio di Guagnano, stampato da Anet di Corigliano d’Otranto. Un disco dedicato al talento dei musicisti dell’Orchestra che nel corso di 21 anni hanno collaborato con i grandi  nomi del panorama italiano e internazionale e che oggi si presentano con un sound deciso e riconoscibile riscuotendo successo di pubblico e critica”.

 

Il Concerto è  stata  l’occasione per l’Orchestra  di augurare buone feste a tutta la città e al Salento prima dell’ultimo concerto dell’anno, il 31 dicembre a Teramo, che chiude lo straordinario tour 2018, un viaggio di musica e danza che ha portato l’ensemble della Taranta nei prestigiosi scenari internazionali delle Olimpiadi invernali di PyeonChang, al  Bürgerfest di Berlino e ancora al Columbus Day di New York e al Gran Gala del NIAF passando per le più belle piazze e teatri italiani.

Il 2019 si aprirà per l’Orchestra con La Notte dei Pupi e della Taranta a Gallipoli. Per il terzo anno consecutivo l’1 gennaio, in piazza Tellini, subito dopo lo scoppio del PUPO sul piazzale stazione,  il nuovo anno sarà festeggiato a ritmo di tamburello.