Prodotti di Puglia: il cacioricotta

234

Il cacioricotta è uno degli ospiti fissi sulle tavole pugliesi, si tratta di un formaggio realizzato con latte di pecora o capra, ma in alcuni casi, le due tipologie di latte vengono mischiate in proporzione variabile.

La sua produzione non è limitata alla Puglia, ma si estende anche alla Calabria, alla Basilicata, alla Campania e al Lazio, tanto da essere riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale, marchio che ne tutela la produzione.

Il suo nome ne spiega le caratteristiche: è un ibrido tra il classico cacio e la ricotta.

Oltre al sapore, una caratteristica che definisce il cacoricotta è la sua forma tondeggiante ottenuta dalle caratteristiche formelle in cui viene riposto per la stagionatura.

Il cacioricotta cambia sapore in base al periodo di produzione, all’erba mangiata dagli animali durante il pascolo e al tempo di stagionatura.

Se gli animali si nutrono di erba fresca, ad esempio, il cacioricotta avrà un gusto deciso.

In commercio è possibile trovare cacioricotta per tutti i gusti e per tutte le necessità:

Stagionatura breve: pasta molto morbida, colore bianco latte, sapore ricco. Ideale da mangiare a tavola;

Stagionatura lunga (almeno 3 mesi): pasta semidura, colore giallognolo, ideale da mangiare a tavola accompagnato da marmellate o grattugiato sulla pasta.

Il miglior modo per gustare il cacioricotta è ovviamente grattugiandolo in abbondanza sulla pasta al sugo, nello specifico, le classiche orecchiette, ma è molto buono anche spezzettato grossolanamente sulle frise, oppure può essere impiegato per realizzare ottimi ripieni.