Arriva il “Cucchevesce”, il Festival che fa scoprire il territorio

156

PALAGIANELLO (Taranto) -Un evento che risponde a un duplice bisogno: quello di un territorio ad essere valorizzato e di un pubblico in cerca di occasioni che mettano insieme cultura e intrattenimento. Grande attesa per la prima edizione del «Cucchevesce- Il Festival della Civetta», in programma domenica 13 ottobre a Palagianello. Ingresso gratuito, tantissime attività (alcune con un piccolo contributo) e iniziative dalle 10 del mattino e sino a tarda sera. Visite guidate, teatro, musica, un grande spettacolo di falconeria con aquile, falchi e avvoltoi, mostre e rievocazioni. E poi passeggiate a cavallo, gara di bike, enogastronomia con la possibilità di fermarsi anche a pranzo, giochi per bambini e laboratori di percussioni.

Motore dell’iniziativa, gli operatori di Melt Eventi, Open Core Community, cooperativa Polisviluppo, PromoArt e Sonora-Art Music Drinks&Food con la direzione artistica di Fabrizio Iurlano, il patrocinio del comune di Palagianello e il supporto di Confcommercio Taranto.

«L’evento- commenta il sindaco Maria Rosaria Borracci- racchiude storia, cultura, tradizione e turismo. Non possiamo che esserne entusiasti. Il ricco programma porterà a Palagianello turisti e visitatori di tutta la provincia, in un periodo autunnale in cui si fa fatica ad organizzare manifestazioni di successo. Per questo, a nome mio e di tutta l’amministrazione comunale, faremo il possibile affinché questo festival diventi un appuntamento fisso, che possa divertire, rilassare, far scoprire e favorire la destagionalizzazione. Siamo orgogliosi di ospitarlo e speranzosi che possa avere lunga vita».

Sull’iniziativa, interviene anche il presidente provinciale di Confcommercio Taranto Leonardo Giangrande. «Ci sono luoghi nel nostro territorio -spiega- che sono scrigni di preziosa bellezza e non sono a pieno conosciuti per come meriterebbero. È il caso di Palagianello, una cittadina alla quale l’habitat naturale della gravina, su cui poggia la parte antica del centro storico, conferisce grande fascino. Questa iniziativa di animazione culturale e turistica mette in risalto questo particolare contesto, lo promuove e valorizza la rete degli operatori del territorio, non solo quelli culturali, ma anche quelli economici (con l’offerta del food e delle altre tipologie merceologiche),  proprio come è nello spirito dei DUC,  i Distretti Urbani del Commercio. Dunque, una giornata  alla scoperta di una cittadina animata da una comunità impegnata in un percorso di tesaurizzazione  – anche attraverso l’apporto della sua rete di attività commerciali –  dell’eredità ricevuta dalla storia, scritta nelle pietre dei percorsi rupestri e nelle tracce del suo centro storico».

Tra i momenti più attesi, lo show delle decine di rapaci in volo sulla gravina a cura di Angelo Emilio Bergamotti che farà rivivere le emozioni dell’antica arte della falconeria e il concerto del trio capeggiato dal Maestro Imran Khan, musicista indiano conosciuto a livello internazionale.