Al via la nuova campagna antiabbandono 2020 firmata ENPA Puglia

377

ENPA Puglia , è da sempre attiva , attraverso le articolazioni territoriali, nel recupero di animali in difficoltà , prevalentemente vittime di abbandono e/o maltrattamento.
In estate le vittime di abbandono aumentano vertiginosamente e spesso , quando non muoiono di fame o investiti , vanno incontro ad una morte ancora più dolorosa, e lenta : il canile.
Nonostante sia opinione diffusa che il canile sia una salvezza , di fatto rappresenta una espiazione senza colpa.
Ideato e diretto dall’Arch Daniela Fanelli, coordinatrice regionale ENPA ,vuole smuovere quelle coscienze che sono ancora fermamente convinte di agire nel bene del cane, e sensibilizzare tutte le persone che assistono all’abbandono di un animale a sporgere denuncia.
Un cane o un gatto abbandonato possono costare molto, in termini di sicurezza stradale , in termini di spese di pronto soccorso per l’animale stesso e anche, qualora finisse in un canile ( o gattile sebbene in Puglia non ce ne siano ancora) , in termini di spesa pubblica per il mantenimento dell’animale stesso.
Insomma , non è necessario amare gli animali per capire che è indispensabile il senso civico e denunciare chi abbandona.
Al Sindaco Ing. Antonio Decaro , che ha partecipato alla realizzazione dello spot, va il nostro più sentito grazie , per aver dedicato ancora una volta il suo tempo e aver messo la faccia e anche per aver ascoltato noi volontari su tematiche spesso dimenticate dalle amministrazioni comunali.
La Protezione Animali dal 1871 Ringraziamo il consigliere con delega al randagismo Livio Sisto che , da sempre sensibile al tema animalista , ci ha supportato per la realizzazione dello SPOT.
Grazie ai volontari che hanno vestito i panni dei cattivi pur essendo loro la vera salvezza di tanti animali e grazie a William Volpicella e Valentina Gadaleta per aver girato e montato il video e per aver partecipato come attori con rara sensibilità.
Un ringraziamento speciale va a Renato Ciardo , che nonostante i mille impegni , ha prestato la sua voce per interpretare i nostri pensieri lungo tutto lo SPOT.
Le immagini si susseguono crude , una voce fuori campo legge il capo d’accusa e la sentenza “COLPEVOLE” : il nostro è un tribunale morale perché di fatto la legge non prevede pene adeguate per atti di violenza e/o uccisione degli animali.
In netto contrasto con volti e atmosfere cupe della prima parte dello spot ci sono i colori e il clima di gioia di chi ha deciso di portare il proprio cane o gatto in vacanza.
Le riprese sono state effettuate all’interno del canile sanitario, luogo in cui vengono portati i cani appena recuperati dal territorio dal personale addetto e sulla spiaggia di San Girolamo a Bari.
Dietro questa realtà si nascondono mille difficoltà , paure , morti e anche tante rinascite che sono esclusivamente merito dei volontari e a cui vogliamo dare atto del meraviglioso lavoro che fanno .
Aiutateci a migliorare la loro vite!