Venerdì 10 e domenica 12 luglio “Lumi n Arie” di Maurizio Buttazzo e Aperitivo arcobaleno al Castello Volante di Corigliano d’Otranto

98

CORIGLIANO D’OTRANTO – Dopo un lungo periodo di chiusura per le misure straordinarie anti Covid-19, il Castello Volante di Corigliano d’Otranto riprende le sue attività culturali. Venerdì 10 luglio (ore 20 – ingresso libero) inaugurazione di “Lumi n Arie”, un’installazione di Maurizio Buttazzo all’interno del Ristoro del Castello. Un’officina della luce che racconta il mondo poliedrico del fotografo e designer salentino. Lumi n Arie è il risultato di una delle residenze artistiche che precedono La Festa di Cinema del reale, in programma nell’antico maniero dal 28 al 31 luglio. La colonna sonora della serata sarà a cura di Sonic the tonic e Rocco Morano.

La pratica artistica di Maurizio Buttazzo si caratterizza per la sua estrema multiformità. Una eccletticità che riguarda non solo il linguaggio, ma anche i singoli elementi del personale alfabeto di un creativo attivo da oltre cinquant’anni nell’ambito della fotografia documentaria e design e dell’attivismo culturale. Il suo universo si condensa nell’immagine dell’officina colma di oggetti residuali, strutture metalliche, cavi elettrici, forbici, lampadine, a cui la sua manualità riesce a ridare nuova vita. La parola d’ordine nel suo lavoro è assemblage, di materiali, pratiche meticce, di visioni che indagano le potenzialità espressive degli elementi. Non sfugge da questo immaginario Lumi n Arie, un vero e proprio atelier allestito all’interno del Ristoro del Castello Volante. Ogni singolo pezzo, interagendo con lo spazio, ci parla di nuove chance regalate agli oggetti grazie a un’idea di design etico e ecologico. Lumi n Aria rende visibile la progettualità dell’artista, attivando una dialettica tra le espressioni creative e materiali che incarnano il suo lavoro. Mettendo in atto un itinerario leggero per l’occhio invitato a posarsi sulle mensole, i tavoli e le mura del ristoro, il visitatore viene a contatto con la pratica creativa di Buttazzo, la cui idea di bellezza è fortemente legata all’estetica del quotidiano, industriale e minimalista, percorso da vene di colore e spirito barocco tipici del Sud Italia.  Lumi n Arie è il risultato di una delle residenze artistiche ospitate all’interno del Castello Volante che precedeno le attività de La Festa di Cinema del reale, il festival dedicato al cinema documentario d’autore e alle arti audiovisive e performative. Uno degli appuntamenti più attesi dell’estate pugliese con il cinema di strada, è un progetto culturale che ogni anno riattiva luoghi e relazioni, con la sua comunità di autori e grandi nomi del documentario che si danno appuntamento tra il fossato e le terrazze di uno dei castelli più belli di Puglia e nel borgo di Corigliano d’Otranto.

Domenica 12 luglio prenderà il via l’aperitivo arcobaleno, un appuntamento settimanale organizzato dal Castello Volante che ospiterà l’associazione LeA – Liberamente e Apertamente. La serata inizierà dalle 19 con la presentazione dell’associazione e degli appuntamenti programmati per le prossime settimane che prevederanno arte, intrattenimento, musica e live, performance teatrali e drug, politica e riflessione tante altre novità.  Ad accogliere il pubblico in questa prima domenica, ci saranno l’aperitivo del Castello, un cocktail arcobaleno e le selezioni della dj La Bonnie. Eccentrica performer del vinile, specializzata nel sound funky e disco, è ora tra le più richieste dj in tutta la Puglia. Con il suo stile, delicato ma accattivante, arricchito spesso da sonorità elettroniche, conquista la dancefloor in ogni contesto. Il suo set, sempre sorprendente, di volta in volta rinnovato dalla continua ricerca di vere perle della Black music, promette di far rivivere le atmosfere sensuali dei tempi d’oro dei club americani. LeA liberamente e Apertamente è una associazione di volontariato, politica, apartitica a difesa e promozione dei diritti Lgbtqia* e dei diritti umani. Nata a Lecce nel 2013, combatte per il territorio contro ogni forma di discriminazione omobilesbotransfobica puntando al coinvolgimento diretto della cittadinanza.