Sudestival, il ricchissimo weekend di chiusura ​con ospiti, proiezioni, premiazioni e Paolo Sassanelli come special gues

34

MONOPOLI (Bari) – Un weekend ricco di incontri, proiezioni e ospiti chiuderà la ventiduesima edizione del Sudestival, il festival lungo un inverno, progetto dell’Associazione Culturale Sguardi, fondato e diretto da Michele Suma. Afferente all’Apulia Cinefestival Network e all’AFIC, viene realizzato con il sostegno e il patrocinio della Regione Puglia – Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del territorio, e della Città di Monopoli, e col patrocinio dell’UNIBA, del Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli e del Polo liceale “Galilei-Curie” di Monopoli.

Un’edizione coraggiosa e tanto attesa che, dopo due anni, è tornata interamente in presenza, incontrando un pubblico entusiasta e desideroso di riscoprire la magia e la liturgia collettiva della sala e del grande schermo. Il ricco weekend si apre venerdì 18 marzo alle 19.00 con la proiezione dell’ultimo doc in concorso, Il tempo rimasto di Daniele Gaglianone. Il regista in sala introdurrà il suo lavoro che indaga, in modo intimo e delicato, la memoria personale attraverso le testimonianze di diverse persone che raccontano i ricordi della loro giovinezza trascorsa. Per la sezione Sudestival in corto sarà proiettato In Fede, della giovanissima Viviana Raimondi, presente in sala. A seguire, il sesto e ultimo lungometraggio in concorso, L’amore non si sa di Marcello di Noto, alla presenza del regista e della protagonista Silvia D’Amico. Il film racconta la storia di un musicista dongiovanni che ha unito lavoro e piacere grazie alla scena neomelodica, controllata dalla malavita. Si ribellerà al sistema criminale solo grazie ad una profonda presa di coscienza e all’amore per una donna.

Le tanto amate masterclass, sold out in tutti gli appuntamenti del festival, si concludono in bellezza sabato 19 marzo alle 9.00 con lo sceneggiatore Salvatore De Mola (Il Commissario Montalbano) che illustrerà agli studenti la sua professione con l’incontro “La scrittura della storia: Questo è un uomo”. Alle 21.00 si prosegue con la serata evento con il film Storia di Nilde, di De Mola, Marco Dell’Omo e Emanuela Imbucci, il racconto della vicenda umana e politica di Nilde Iotti, dalla partecipazione all’Assemblea Costituente del 1946 all’elezione come Presidente della Camera con Anna Foglietta nei panni dell’iconico personaggio. La serata, in collaborazione con UNIBA, vedrà ospiti oltre a De Mola, Anna Maria Candela, prorettrice di UNIBA e Francesca Romana Recchia Luciani, docente.

Grande attesa per la serata conclusiva di domenica 20 marzo che sarà visibile in diretta streaming sui canali di Mymovies, Canale7 e sui canali ufficiali del festival: a partire dalle 20 saranno conferiti i Premi della Giuria Cinema Nazionale, Il Faro d’Autore della Città di Monopoli, il Premio “Santa Teresa Resort” Giuria Pubblico e il Premio “Sguardi” della Giuria Giovani, il Premio AFC “Carlo Delle Piane” alla miglior sceneggiatura, il Premio “Gianni Lenoci” alla miglior colonna sonora, il Premio della Giuria Nazionale DOC al Miglior documentario, e, infine, il Premio alla Carriera a Renato Casaro “L’ultimo uomo che dipinse il cinema”.

Dopo l’atteso momento delle premiazioni, ad arricchire la serata sul palco del Sudestival l’ospite d’onore della serata Paolo Sassanelli, attore e regista che presenterà al pubblico le sue opere prime. Spazio al suo cortometraggio Uerra, con Dino Abbrescia e Totò Omnis, ambientato in una suggestiva Bari del 1946, e il lungometraggio Due Piccoli Italiani con lo stesso Sassanelli, nella veste anche di regista, con Francesco Colella coprotagonista, nel ruolo di due ragazzi catapultati da un piccolo paesino della Puglia a Rotterdam, dove scoprono un mondo pieno di sorprese e di opportunità.