Il 2 ottobre l’anteprima della Stagione teatrale di Bari 2023-24 con “Italo Calvino – Lo scrittore sugli alberi” e Neri Marcorè, in collaborazione con Prix Italia Rai

65

BARI – Appuntamento al Teatro Piccinni di Bari il 2 ottobre, alle ore 19.30, con “Italo Calvino – Lo scrittore sugli alberi” e alcune letture dedicate all’autore a cura di Neri Marcorè, anteprima della stagione teatrale Altrimondi 2023_24 del Comune di Bari – Assessorato alle Culture organizzata insieme al Teatro Pubblico Pugliese

L’evento, realizzato in collaborazione con il Prix Italia Rai, inaugura la 75esima edizione del concorso internazionale dedicato alle migliori produzioni per la tv, la radio e il web, che per il secondo anno si svolge a Bari in collaborazione con Regione Puglia e Pugliapromozione (ingresso libero con prenotazione eventbrite su https://bit.ly/3ZfFxdS).

La serata si aprirà con la presentazione del documentario inedito sullo scrittore italiano Italo Calvino, una coproduzione RAI Documentari e Arte, scritto e diretto da Duccio Chiarini. Nel centenario della sua nascita, l’avventura del più importante e indefinibile degli scrittori italiani del Novecento narrata in un documentario che ne rilegge il percorso artistico attraverso una delle sue opere più note, “Il Barone Rampante”.

La scommessa del film è di offrire un nuovo sguardo sul più conosciuto autore del Novecento, anche grazie a filmati inediti, foto e lettere autografe concessi in esclusiva. Questo documentario utilizza il libro forse più simbolico di Italo Calvino come un prisma attraverso cui ricostruire il rapporto tra l’opera dell’autore e i contesti storici e politici che ha attraversato, nella costante ricerca della giusta distanza dalle cose del mondo.

A introdurre l’evento una lettura da Calvino con Neri Marcorè.

“Nell’accogliere per il secondo anno a Bari il Prix della Rai – commenta l’assessora alle Culture Ines Pierucci – abbiamo condiviso con l’organizzazione del prestigioso Premio la possibilità di concordare i temi del programma e coniugarli alla vocazione strategico-culturale della città ai fini anche della caratterizzazione della 75esima edizione dell’evento.

Inaugureremo il Prix nell’ambito della stagione di prosa al Piccinni, coerentemente con l’anniversario di Italo Calvino, cui il cartellone della prosa è dedicato, non solo per celebrare un centenario tra i tanti ma perché a Calvino la nostra città inconsapevolmente è debitrice. Alla straordinaria voce di Neri Marcorè, per una felice combinazione “calviniana”, abbiamo chiesto di leggere alcune tra le pagine più significative dell’autore, legate alle Lezioni americane e alle Città invisibili, che in qualche modo rappresentano il manifesto letterario del Novecento. Tutte le città si riconoscono nell’ambizione di quelle invisibili di Calvino, quelle la cui apparenza a volte è più visibile dell’essenza. Sembra che parli di Bari quando afferma che “La città che non dice il suo passato, lo contiene come le linee di una mano, scritto negli spigoli delle vie, nelle griglie delle finestre, negli scorrimano delle scale, nelle antenne dei parafulmini, nelle aste delle bandiere, ogni segmento rigato a sua volta di graffi, seghettature, intagli, svirgole”.

Dopo l’apertura del 2 ottobre, l’omaggio a Calvino nella stagione teatrale Altrimondi 2023_24 prosegue con gli spettacoli in serale e in matinée per le scuole “Come una specie di vertigine. Il nano, Calvino e la libertà” il 14 e 15 ottobre, di e con Mario Perrotta, e “Il castello”, di Andrea Cramarossa, liberamente ispirato a “Il castello dei destini incrociati”, per il ventennale del Teatro delle bambole (9 ottobre). Il 15 ottobre il Piccinni dedica uno speciale evento allo scrittore con l’appuntamento “La palestra – edizione speciale Buon Compleanno Calvino”, lezione spettacolo a cura di Francesco Asselta, un’opportunità per parlare della sua vita, delle sue opere, ma soprattutto della sua idea di intellettuale disorganico.

Sino al 19 ottobre è possibile abbonarsi alla stagione di prosa del Comune di Bari, la biglietteria del teatro Piccinni è aperta dal lunedì al sabato, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 17 alle ore 20.