Sabato 4 gennaio un’altra ricca giornata per il festival Kids a Lecce

351

LECCE – Sino al 6 gennaio continua la sesta edizione di “Kids. Festival del teatro e delle arti per le nuove generazioni”, dedicata al tema “Diventare bambini”. Sabato 4 gennaio  prosegue il focus dedicato a Teatro e disabilità, promosso in collaborazione con Cross the Gap, progetto cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma di Cooperazione Interreg V-A Grecia-Italia 2014-2020. Alle 9:30 le Officine Cantelmo ospiteranno il convegno “Le buone pratiche nel teatro e disabilità”, un momento di riflessione e approfondimento coordinato dal critico Andrea Porcheddu. Alle 16:30 al Db D’Essai in scena “Diario di un brutto anatroccolo” di Factory compagnia transadriatica, Fondazione Sipario Toscana e Tir danza. Il fortunato spettacolo di Tonio De Nitto con Ilaria Carlucci, Fabio Tinella, Luca Pastore, Francesca De Pasquale, ospitato e premiato nei più prestigiosi festival in giro per il mondo, coniuga il teatro e la danza a partire da un classico per l’infanzia di Andersen. Alle 18:30 alle Manifatture Knos (in replica anche domenica 5 alle 11) la compagnia austriaca Mezzanin Theater con “Tarte au chocolat” di Martina Kolbinger-Reiner con Erwin Slepcevic e Jean-Paul Ledun. Due cuochi in cerca della ricetta giusta ne stanno cuocendo una assieme, attraverso un gioco di slapstick completamente comico. Alle 20 sempre al Knos l’Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata proporrà “Il grande gioco” di Simone Guerro che vede in scena lo storico attore del Teatro Pirata Silvano Fiordelmondo insieme a Fabio Spadoni, attore con sindrome Down, in una storia che commuove e diverte. Alle 11 e alle 17 nel Convento dei Teatini la compagnia Accademia Perduta Romagna Teatri presenterà Caro Orco di Manuela Capece e Davide Doro e la collaborazione artistica di Marina Allegri con Maurizio Bercini. Nel Piazzale della Basilica di San Domenico Savio approda l’esperienza italospagnola dei Teatri mobili con gli spettacoli Manoviva di Girovago e Rondella (ore 11, 16:45 e 18:45) e Antipodi della Compagnia Dromosofista (ore 12, 17:45 e 19:45), in scena nelle strutture ricavate da un autobus e un camion con piccole gradinate per 35/40 spettatori e un foyer all’aperto. Proseguono anche le attività del Kids Village “diffuso”, dedicato ai bambini e alle bambine ma con tante attività pensate anche per i più grandi con workshop, performance e giochi condotti da operatori ed artisti nazionali e internazionali. Grazie all’Operazione Robin Hood il Festival proporrà una raccolta di “biglietti sospesi” – sostenuta anche da Storie cucite a mano – progetto selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile – per accogliere tutte le famiglie più bisognose e favorire le associazioni che lavorano con persone in situazione di disagio.