Castellaneta, sul sito del Comune arriva Rita, l’assistente virtuale che risponde alle domande frequenti sul decreto #IoRestoaCasa

396

CASTELLANETA (Taranto) – I cittadini castellanetani sempre aggiornati e più informati con Rita, l’assistente virtuale intelligente progettata per rispondere alle domande frequenti sul decreto #IoRestoaCasa.

Anche il Comune di Castellaneta ha infatti aderito all’iniziativa nazionale di Exprivia, con il supporto tecnologico di QuestIT, azienda di Siena che ha sviluppato il sistema di Intelligenza Artificiale, in grado di analizzare le richieste degli utenti e di rispondere in tempo reale, mediante interazione vocale, a ogni domanda su attività consentite e vietate, spostamenti, autodichiarazioni e a ogni altra questione trattata nel decreto.

L’assistente virtuale Rita, così chiamata in onore di Rita Levi Montalcini, è già presente sulla prima pagina del sito del Comune, rilasciando informazioni sulle linee guida contenute nel DPCM dell’11 marzo 2020 aggiornate in tempo reale in base alle ordinanze sindacali in
vigore.

Il chatbot Rita è dotato di un sistema di autoapprendimento intelligente per cui, sulla base delle conversazioni e delle interazioni con il soggetto umano, fornisce in modo rapido e puntuale la risposta più pertinente alla domanda che a esso viene rivolta, migliora la sua
conoscenza di base e, può invitare l’utente a essere più preciso nella formulazione della domanda con suggerimenti automatici presenti nella chat.

Rita è attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7 ed è possibile accedervi da computer, tablet, smartphone o qualsiasi ulteriore dispositivo mobile con connessione a internet.

«Siamo grati ad Exprivia – commenta il Sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti – per questo importante supporto tecnologico messo con generosità a disposizione della nostra città, che si affianca a tutte le altre iniziative che abbiamo messo in campo, sin dalle prime ore di questa emergenza, con la nostra campagna di comunicazione #StattaCast, con l’obiettivo di stare al fianco di tutti i nostri concittadini».