“IO – La rinascita” – lo spettacolo della Compagnia Teatrale “Il Giullare di Trani” alla rassegna nazionale “Fuori Misura”

11

La Compagnia Teatrale “Il giullare” nata nella Cooperativa Sociale “Promozione Sociale e Solidarietà” di Trani, “figlia e sorella” del Festival Nazionale del Teatro Contro Ogni Barriera “Il Giullare”, domani 9 aprile porterà in scena al Teatro “Giuseppe Verdi” di Pollenza (MC) lo spettacolo “Io- La rinascita” all’interno della rassegna teatrale “Fuori Misura – Premio Giovanni Soldini” organizzata dalla compagnia teatrale “Gli Smisurati” di Santa Maria in Selva di Treia.

 

Sul palco si esibiranno compagnie teatrali, già note al Festival Il Giullare per la loro presenza nelle passate edizioni, in una sorta di rassegna itinerante, come segue:

8 Aprile ore 21:15 – Politeama di Tolentino: Io sono qui – Magnifico Teatrino Errante di Bologna

9 Aprile ore 21:15 – Teatro G. Verdi di Pollenza: Io-La Rinascita – Compagnia Teatrale Il Giullare di Trani

10 Aprile ore 17:00 – Teatro Comunale di Treia: I Cinque Malfatti – Diversamente in Danza di Verona

 

Lo spettacolo della nostra compagnia composta da 16 attori è in continua evoluzione e racconta un intreccio di storie, vissuti ed emozioni che si incontrano, un monologo in bilico fra follia e poesia, musica e parole, riflessione e reazione; una linea sottile fra teatro e autobiografia, un margine fra vita e arte che ci pare oggi particolarmente denso di possibilità, capace forse di diventare esso stesso “discorso” da condividere ma anche racconto aperto, onesto, che si consegna con semplicità a chi guarda o ascolta.

 

Io-La rinascita, per la regia di Marco Colonna, è nato nel 2018 e fu portato in scena per la prima volta nella X Edizione del Festival Il Giullare a Trani per poi continuare con una serie di repliche in diversi teatri e rassegne incontrando sempre grande apprezzamento e coinvolgimento emotivo del pubblico.

 

Ci auguriamo che anche in questa occasione La Compagnia Il Giullare, che incarna la filosofia del Festival il Giullare tesa a promuovere una cultura che vada ogni oltre barriera per dimostrare che attraverso l’arte e il teatro la diversità si annulla per lasciare spazio al ruolo che si recita, possa trasmettere agli spettatori una percezione altra della visione sulla follia, sui limiti, sulle persone… e perché no, provare anche a portare a casa il premio in palio!