Lunedì 27 marzo “Medea, Desír” di Astràgali Teatro a San Cesario di Lecce per la Giornata Mondiale del Teatro

21

SAN CESARIO DI LECCE – Lunedì 27 marzo (ore 20:30 – ingresso gratuito – info 3892105991 – teatro@astragali.org) nella Distilleria De Giorgi di San Cesario di Lecce per celebrare la sessantunesima Giornata Mondiale del Teatro, ideata e promossa dall’International Theatre Institute – Unesco, Astràgali Teatro mette in scena “Medea, Desír” scritto e diretto da Fabio Tolledi con Roberta Quarta, Simonetta Rotundo, Matteo Mele, Giovanna Kapodistria. Prima dello spettacolo sarà letto il Messaggio scritto dall’attrice egiziana Samiha Ayoub. Dal 1962, ogni 27 marzo, nei teatri e nei centri culturali di tutto il mondo, risuona infatti un unico messaggio, affidato a una personalità della cultura mondiale per testimoniare le riflessioni vive sul tema del teatro e della cultura della pace. Dopo Jean Cocteau e, tra gli altri, Arthur Miller, Laurence Olivier, Jean-Louis Barraul, Peter Brook, Luchino Visconti, Richard Burton,  Eugène Ionesco, John Malkovich, Isabelle Huppert, Carlos Celdràn, Shahid Nadeem, Helen Mirren, i Premi Nobel Miguel Angel Asturias, Dario Fo, Pablo Neruda, nel 2023 la scrittura del Messaggio è stata affidata a Samiha Ayoub che, nel corso della sua lunga carriera artistica, ha recitato in circa 170 opere teatrali e ha interpretato molti ruoli nel cinema e in televisione. Altre iniziative sono previste nei teatri membri del Centro italiano dell’International Theatre Institute – Unesco –  Teatro Vascello di Roma, Accademia Amiata Mutamenti di Grosseto, Teatro Arsenale di Milano, Mana Chuma Teatro di Reggio Calabria, Teatro Arsenale di Milano – che dal 2012 ha sede ad Astràgali Teatro a Lecce ed è presieduto da Fabio Tolledi.

MEDEA, DESÍR
Il mito non è semplicemente una storia, semmai è un infinito intreccio di storie. Per questo il mito è poesia. Questa molteplicità di storie rende il mito qualche cosa di vivo, da scoprire, da interrogare, da svelare e rivelare. Medea è una storia che si moltiplica nei secoli. Christa Wolf, Ovidio, Apollonio Rodio, Euripide, Jean Anouilh, Franz Grillparzer, Corrado Alvaro, Corneille, Seneca, Quinto Ennio assieme a molti altri scrittori, musicisti, pittori hanno alimentato questo mito molteplice di una donna straniera. La scrittura teatrale di Fabio Tolledi si muove su alcuni piani: Medea è donna, straniera e selvaggia, creatura altra che resiste e ama. Ama aldilà di ogni valore, aldilà di ogni morale. Resiste e sfugge al potere, regina adolescente a cui tutto si può chiedere, depositaria di un sapere profondo e antico. La radice del suo nome, med, richiama la parola medicina. Il pharmakon che cura e avvelena. Che può salvare e uccidere. Radice del venenum, di qualcosa che trasforma e muta. Medea, scacciata e bandita dal potere, stigma della donna selvaggia, rivendica il solo orizzonte che incrina e mette in crisi il potere: il desiderio. Medea ama, Medea ama l’amore, Medea vive nel desiderio che prende e dona forma alla vita.

IL MESSAGGIO
«Vi invito a stare insieme, tutti noi, mano nella mano, spalla a spalla, per gridare a squarciagola, come siamo abituati a fare sui palcoscenici dei nostri teatri, per far uscire le nostre parole, per risvegliare la coscienza del mondo, per cercare dentro di noi l’essenza perduta dell’umanità», scrive l’attrice nel Messaggio. «L’essere umano libero, tollerante, amorevole, comprensivo, gentile ed accogliente, che rigetta questa vile immagine di brutalità, razzismo, di conflitti sanguinosi, di un pensiero unilaterale ed estremista. Gli esseri umani hanno camminato su questa terra e sotto questo cielo per migliaia di anni e continueranno a camminare. Pertanto togliete i piedi dal fango delle guerre e dei conflitti sanguinosi e lasciate questi ultimi all’entrata del palcoscenico. Forse allora la nostra umanità, che si è offuscata nel dubbio, diventerà di nuovo una certezza che ci renderà tutti orgogliosi di essere umani e di essere fratelli e sorelle nell’umanità», prosegue. «È la nostra missione, di noi drammaturghi, portatori della fiaccola della luce, sin dalla prima apparizione del primo attore sul primo palcoscenico, di essere in prima linea nell’affrontare tutto ciò che è brutto, sanguinario e disumano, mettendolo a confronto con tutto ciò che è bello, puro e umano. Noi, e nessun altro, abbiamo la capacità di diffondere la vita. Diffondiamola insieme per il bene di un unico mondo e di un’unica umanità».

L’INTERNATIONAL THEATRE INSTITUTE – UNESCO

Fondata nel 1948 a Praga, da esperti di teatro e danza dell’UNESCO, l’International Theatre Institute, unica organizzazione non governativa, operante in ambito culturale, in relazioni formali con l’UNESCO, è presente con Centri Nazionali in circa 100 Paesi, ed ha come obiettivo lo sviluppo di pratiche di cooperazione tra artisti e istituzioni teatrali a livello internazionale, per consolidare collaborazioni tra operatori culturali di tutto il mondo e favorire il dialogo interculturale. Dal 2012 il Centro Italiano ha sede ad Astràgali Teatro a Lecce ed è presieduto da Fabio Tolledi, recentemente rieletto nell’Executive Council dell’ITI a conclusione del trentaseiesimo Congresso mondiale che si è svolto dal 20 al 25 febbraio a Fujairah negli Emirati Arabi Uniti sul tema “Reunite, for the Performing Arts and Humanism”. Mission primarie dell’ITI sono la promozione della pace attraverso l’arte, il sostegno dell’innovazione nelle arti performative, la valorizzazione delle diversità culturali, il rispetto dei diritti umani nel campo delle arti dello spettacolo. Tra le più note iniziative promosse a livello mondiale dall’International Theatre Institute figurano, oltre al World Theatre Day (27 marzo), l’International Dance Day (29 aprile) e il Theatre of Nations, dove si sono esibiti per la prima volta in Occidente, dopo la seconda Guerra  mondiale, l’Opera di Pechino, il  Berliner Ensemble, il Teatro Kabuki, il Teatro d’Arte di Mosca.

LA GIORNATA NAZIONALE DI TEATRO IN CARCERE
Da dieci anni in Italia, il 27 marzo, si celebra anche la Giornata Nazionale di Teatro in Carcere promossa dal Teatro Aenigma all’Università di Urbino, socio membro dell’ITI Italia, e dal Coordinamento Nazionale del Teatro in Carcere, costituito da cinquanta esperienze teatrali diffuse su tutto il territorio italiano, con il sostegno del Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità. Il cartellone delle iniziative, in progress fino al 30 aprile 2023 (tutte le informazioni sul sito www.teatrocarcere.it),  comprenderà decine di eventi in tutte le regioni italiane. Un lavoro, quello del Coordinamento nazionale delle esperienze, considerato “buona pratica” dall’ITI che ha ospitato nel suo recente 36° Congresso mondiale a febbraio scorso una significativa lecture sul Teatro in Carcere in Italia e nel Mondo a cura di Vito Minoia, docente in discipline dell’educazione e dello spettacolo a Urbino e Coordinatore del nuovo International Network Theatre in Prison (INTiP – ITI Unesco Partner).