“L’ombra e la grazia” Antonella Lattanzi chiude la rassegna con l’incontro TRE

56

BARI – Desiderio e paura di avere un figlio: pulsioni contrastanti nella quotidianità di una coppia, che la scrittrice Antonella Lattanzi porta a teatro nell’ultimo appuntamento di L’ombra e la grazia. Tre è il titolo dell’incontro in programma martedì 4 aprile alle ore 21 al Teatro Kismet di Bari, a chiusura della rassegna ideata da Nicola Lagioia, presidente onorario di Teatri di Bari.

Sul palco dell’opificio delle arti baresi Lattanzi disvela così i temi del suo ultimo romanzo, ‘Cose che non si raccontano’ (Einaudi Editore): la scelta della maternità, fecondazione assistita, gravidanza, aborto, sessualità, catastrofe e rinascita, che trovano proprio nel racconto (e forse solo attraverso il racconto) la propria ricomposizione e un possibile riscatto.

Il romanzo vede protagonisti Antonella e Andrea, vogliono un figlio: adesso lo vogliono proprio, lo vogliono assolutamente. Ma è come se non ci fosse niente di semplice, nel desiderio piú naturale del mondo: tutto ciò che può andare storto andrà storto, anche l’inimmaginabile. Antonella Lattanzi ha trovato parole esatte per questa storia, che è sua e di tutte le donne – ambiziose, indecise, testarde, libere di scegliere. Un libro emozionante, che non si riesce a smettere di leggere, straordinariamente contemporaneo.

Durante la serata sarà attivo nel foyer del teatro il book corner della Libreria Laterza, dove si terrà il firmacopie al termine dell’incontro con la scrittrice barese. Biglietto unico 6 euro, disponibile al botteghino e online sul circuito Vivaticket. Per info si può chiamare il numero 3358052211 o inviare una mail a botteghino@teatrokismet.it. I titolari della myWorld card di Teatri di Bari avranno la possibilità di vedersi riaccreditato il 3% del prezzo del biglietto acquistato al botteghino.

 

BIO Antonella Lattanzi è nata a Bari nel 1979 e vive a Roma. È scrittrice e sceneggiatrice. Ha pubblicato i romanzi Devozione (Einaudi 2010 e 2023), Prima che tu mi tradisca (Einaudi 2013), Una storia nera (Mondadori 2017) e Questo giorno che incombe (HarperCollins Italia 2021), Cose che non si raccontano (Einaudi 2023). Per il cinema ha scritto, tra le altre, le sceneggiature di Fiore di Claudio Giovannesi, Il campione e Una storia nera (tratto dal suo romanzo omonimo) di Leonardo D’Agostini. Collabora con il «Corriere della Sera». È tradotta in diverse lingue.