Dal 25 maggio al 9 luglio Tahar Ben Jelloun, Paolo Giordano, la “dozzina” dello Strega e altri autori esordienti per il festival “Armonia. Narrazioni in Terra d’Otranto”

49

Lo scrittore, poeta e saggista marocchino Tahar Ben Jelloun, il romanziere e fisico Paolo Giordano, la “dozzina” del Premio Strega, la vincitrice o il vincitore del Premio Italo Calvino e le esordienti Giorgia Bernardini, Monica Acito e Stella Poli sono gli ospiti della nona edizione di “Armonia. Narrazioni in Terra d’Otranto”. Con il titolo “Per incantamento”, il festival letterario più a est d’Italia, ideato e organizzato dalla Libreria Idrusa di Alessano e dall’Associazione NarrAzioni, con la direzione artistica di Mario Desiati, dal 25 maggio al 9 luglio tra i vari contenitori culturali di Presicce-Acquarica, Casa Comi a Lucugnano e il piazzale antistante la Basilica Santuario di Santa Maria De Finibus Terrae a Leuca proporrà un ricco programma di incontri, presentazioni, appuntamenti inediti e speciali.

Si parte da giovedì 25 a domenica 28 maggio nel comune di Presicce-Acquarica con le autrici e gli autori della dozzina della 77ma edizione del Premio Strega. Da sei anni, infatti, il festival Armonia accoglie l’unica tappa salentina dello Strega Tour che porta in giro per l’Italia finaliste e finalisti del riconoscimento letterario promosso da Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Liquore Strega e BPER Banca. Giovedì 25 maggio dalle 18:30 nel Palazzo Ducale in località Presicce dopo l’inaugurazione del festival le prime due presentazioni con “La sibilla. Vita di Joyce Lussu” di Silvia Ballestra (Laterza) e “Cassandra a Mogadiscio” di Igiaba Scego (Bompiani). Venerdì 26 maggio dalle 19 in Piazza Municipio in località Acquarica si alterneranno Andrea Canobbio con “La traversata notturna” (La nave di Teseo) e Maria Grazia Calandrone con “Dove non mi hai portata” (Einaudi). Sabato 27 maggio dalle 20 a Casa Turrita in località Presicce spazio ai romanzi “Il continente bianco” di Andrea Tarabbia (Bollati Boringhieri) e “Mi limitavo ad amare te” di Rosella Postorino (Feltrinelli). Domenica 28 maggio la lunga giornata finale prenderà il via alle 10:30 dai Giardini Pensili in località Presicce con Elena Stancanelli che presenterà “Come d’aria” di Ada D’Adamo (Elliot), scrittrice abruzzese, purtroppo scomparsa a 55 anni due giorni dopo l’annuncio della dozzina dello Strega, e Carmen Verde e il suo “Una minima infelicità” (Neri Pozza). Dalle 19 il festival si sposta nel Castello Medievale in località Acquarica con “Tornare dal bosco” di Maddalena Vaglio Tanet (Marsilio), “Ferrovie del Messico” di Gian Marco Griffi (Laurana Editore) e “Rubare la notte” di Romana Petri (Mondadori). Per concludere questa sezione dedicata allo Strega, martedì 30 maggio alle 20 nei Giardini Pensili in località Presicce lo scrittore e fisico Paolo Giordano (già Premio Strega nel 2008 con “La solitudine dei numeri primi”, Einaudi) presenterà il suo ultimo romanzo “Tasmania” (Einaudi), dialogando con il direttore artistico di Armonia Mario Desiati (Premio Strega 2022 con “Spatriati”, Einaudi). Tasmania è un romanzo sul futuro. Il futuro che temiamo e desideriamo, quello che non avremo, che possiamo cambiare, che stiamo costruendo. La paura e la sorpresa di perdere il controllo sono il sentimento del nostro tempo, e la voce calda di Giordano sa raccontarlo come nessun’altra.

Sabato 17 giugno dalle 19, dopo la presenza di Daniel Pennac nel 2021 e Paolo Rumiz nel 2022, l’appuntamento del festival ospitato dal piazzale antistante la Basilica Santuario di Santa Maria De Finibus Terrae a Leuca, in collaborazione con la Fondazione Parco Culturale Ecclesiale de FinibusTerrae, accoglierà lo scrittore, poeta e saggista marocchino Tahar Ben Jelloun. Vincitore del Premio Goncourt nel 1987, autore di numerose opere sul tema del razzismo e dell’immigrazione (in Italia grande successo ha riscosso “Il razzismo spiegato a mia figlia”), Ben Jelloun è lo scrittore in lingua francese più tradotto al mondo. Nel corso della serata premierà anche il racconto vincitore della seconda edizione del concorso letterario “Alan Kurdi”, rivolto agli studenti delle scuole superiori.

Il Festival sin dalla sua nascita ha svolto un’importante missione di scouting di autori emergenti, voci di promettente talento che animeranno il panorama letterario di domani. Sabato 8 e domenica 9 luglio nell’atrio di Palazzo Comi a Lucugnano il direttore artistico Mario Desiati curerà e coordinerà una sezione interamente dedicata ad autori e autrici esordienti. Sabato dalle 20 sul palco Giorgia Bernardini con “Area piccola” (Marsilio) e Monica Acito con “Uvaspina” (Bompiani). Domenica alle 20, infine, Stella Poli presenterà “La gioia avvenire” (Mondadori). A seguire Armonia accoglierà la prima “uscita pubblica” della vincitrice o del vincitore del Premio Italo Calvino 2023, con la partecipazione di Chiara D’Ippolito, ufficio stampa del prestigioso concorso letterario per testi inediti di scrittori esordienti.

«Il sentimento che quest’anno vorremmo condividere è quello suggerito poeticamente dall’immagine realizzata dall’illustratrice Valeria Puzzovio per celebrare la nona edizione del festival letterario più a sud est d’Italia. La magia dell’abbandono al puro piacere della lettura, al rapimento estatico del racconto, quando la pagina diventa territorio dell’anima, teatro tutto mentale di storie che si trasformano nell’atto stesso del leggere», sottolineano gli organizzatori Michela Santoro, Andrea Cacciatore e Valeria Bisanti. «Noi lettori abbiamo un potere immenso, ci suggerisce il pennuto immaginario appollaiato sulla costa del libro fatto di nuvole, siamo artefici ogni volta di un’inedita metamorfosi, leggiamo e poi prodigiosamente riscriviamo storie che sono solo nostre, il testo non è più lo stesso perché dentro ci siamo anche noi. Presi per incantamento».

Armonia è una parola chiave nella poetica di Girolamo Comi. È la natura, i luoghi fisici e metafisici di un autore che, oltre che poeta è stato intellettuale, bibliofilo, amante del Salento; oggi la sua casa e i suoi libri rappresentano un simbolo non solo di Lucugnano e Tricase, ma di tutta la Puglia. Proprio lo Spirito d’Armonia, dunque di bellezza, è il timone che guida i lettori e gli operatori culturali impegnati nella Terra d’Otranto. In questi anni il Festival ha ospitato Daniel Pennac, Amélie Nothomb, Jeffery Deaver, Moony Witcher, Paolo Rumiz, Roberto Saviano, Nicola Lagiogia, i vincitori del Premio Strega Mario Desiati (2022), Emanuele Trevi (2021), Sandro Veronesi (2020), Antonio Scurati (2019), Helena Janeczek (2018) e ancora Fabio Genovesi, Paolo Giordano, Alessandro Piperno, Leonardo Colombati, Walter Veltroni, Chiara Valerio, Edoardo Nesi, Giuliana Sgrena, Gabriella Genisi, Bruno Tognolini, Diego De Silva, Gianrico Carofiglio, Giuliano Sangiorgi, Donatella Di Pietrantonio, Pietrangelo Buttafuoco, Nuccio Ordine, Luca Bianchini, Silvia Avallone, Massimo Carlotto, Federico Zampaglione, Gian Arturo Ferrari, Lia Levi, Giovanni Solimine, Carlo D’Amicis, Chiara Francini, Franco Arminio, Concita De Gregorio, Nadia Terranova, Francesco Gungui, Francesco Carofiglio, Mauro Covacich, Claudia Durastanti, Marco Missiroli, Marcello Fois, Remo Rapino, Lisa Ginzburg e molte altre autrici e autori impegnati in presentazioni, incontri, laboratori e appuntamenti per le giovani e i giovani lettori.

Armonia. Narrazioni in Terra d’Otranto è ideato e organizzato dalla Libreria Idrusa di Alessano e dall’Associazione Narrazioni, in collaborazione con Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Premio Strega, Premio Italo Calvino, Fondazione Parco Culturale Ecclesiale de FinibusTerrae, Tina Lambrini – Casa Comi con il contributo dei Comuni di Presicce-Acquarica, Castrignano del Capo e di alcuni sponsor privati. Media partner Radio Peter Pan, RadioVenere, OraComunica e Coolclub. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero e gratuito.