Presentato Over65Festival, il programma di iniziative di prevenzione e socializzazione rivolto agli anziani promosso dall’assessorato al Welfare e dalla rete cittadina SCIAM

16

BARI – È stato presentato questa mattina a Palazzo di Città il programma di “Over65Festival“, una kermesse di appuntamenti rivolta alle persone anziane della città di Bari promosso dall’assessorato comunale al Welfare nell’ambito del progetto “Interventi socio-sanitari in favore della popolazione anziana – Rete cittadina SCIAM” gestito dalla cooperativa sociale Aliante.

All’incontro con la stampa sono intervenuti l’assessora al Welfare Francesca Bottalico, la presidente di Aliante Marilena Pastore, il fisiatra Giuseppe Leoncini e la dermatologa Claudia Casulli.

Il festival propone una serie iniziative gratuite, in programma a giugno e luglio, pensate appositamente per le persone over65 – dagli screening sanitari agli spettacoli teatrali – con l’obiettivo di promuovere la prevenzione, il benessere e l’invecchiamento attivo dei partecipanti.

“Presentiamo oggi – ha spiegato Francesca Bottalico – un’iniziativa, gratuita e aperta a tutti, promossa dal nostro assessorato, finalizzata alla promozione del benessere delle persone over 65 residenti a Bari grazie a SCIAM, il programma di interventi che l’amministrazione sta portando avanti ormai da sei mesi, e che fin qui ha visto il coinvolgimento di circa 1.700 persone. L’obiettivo del festival è in primo luogo quello di diffondere la cultura della prevenzione in campo sanitario ma il programma è pensato anche per contrastare le solitudini e il rischio di isolamento che può colpire le persone anziane. Il cartellone del festival presenta infatti diversi appuntamenti mirati alla prevenzione in medicina attraverso screening itineranti affidati a specialisti volontari, ma prevede anche attività di aggregazione e socializzazione, come nel caso dell’esibizione della nostra compagnia teatrale Over 65.

Ricordo anche che questo festival si inserisce nel piano straordinario per l’emergenza caldo, che  presentemo tra qualche giorno, e che durerà tutta l’estate”.

Marilena Pastore ha illustrato l’iniziativa nel dettaglio, sottolineando che “il festival ci dà la possibilità di raggiungere gli anziani direttamente nel loro ambiente, grazie alla presenza dei presidi territoriali, e di parlare con loro di salute però con gioia e leggerezza”.

Giuseppe Leoncini ha sottolineato l’importanza di un dialogo con il paziente anziano, nell’ottica di un’auspicabile umanizzazione del mondo sanitario mentre Claudia Casulli ha sottolineato l’importanza di realizzare azioni specifiche di prevenzione primaria e secondaria rivolte alla comunità, e in particolare alle persone over 65″.

Il festival si apre questo pomeriggio, alle ore 16, nella sede del progetto SCIAM (corso Italia 171/175) con l’incontro dal titolo “La ciliegia, antiossidante per la terza età” realizzato in collaborazione con i produttori di Cuore della Puglia e l’associazione Cuochi Italiani. All’incontro sulle proprietà antiossidanti e di rallentamento del processo di invecchiamento seguirà una degustazione a cura dell’associazione Cuochi Italiani.

Nelle settimane il programma proseguirà una serie di screening di prevenzione e promozione del benessere. Il 20 giugno, dalle ore 9 alle 12, appuntamento con l’auto medica in via Argiro 44 per lo screening di udito e diabete; il 21 giugno, allo stesso orario, in via Calefati 245, si terrà invece lo screening fisiatrico con il dott. Giuseppe Leoncini (si accede su prenotazione). Il 22 e 29 giugno, e poi il 5, 13, 20, 27 luglio, sempre dalle ore 9 alle 12, in via Calefati 245, appuntamento con lo screening cardiologico realizzato in collaborazione con Cardio on line Europe srl (su prenotazione). Il 22 giugno, dalle ore 15 alle 17, in programma lo screening dei tumori cutanei con visita dermatologica con epiluminescenza con la dottoressa Casulli (su prenotazione).

La giornata del 23 giugno sarà dedicata al divertimento e alla socializzazione: alle 18 si inaugura il Mercatino della creatività con l’esposizione dei prodotti artigianali realizzati nell’ambito del laboratorio di progetto curato dalla maestra d’arte Mary Rose Spacciante, mentre, alle ore 21, si terrà lo spettacolo teatrale “A carte scoperte” con la regia di Abra Lupori, ospiti della serata saranno Lia Cellamare e Franco Minervini.

Il festival arricchisce gli interventi già realizzati nell’ambito del progetto SCIAM con un ampio coinvolgimento di cittadine e cittadini baresi. Nei primi sei mesi di attività, infatti, sono state quasi 1.700 le persone over65 coinvolte nel progetto, 356 delle quali in attività di screening sanitario, 385 in giornate di sensibilizzazione e informazione, 250 in attività di ascolto, accoglienza e orientamento. 20 anziani hanno beneficiato di consulenze psicologiche, 400 hanno partecipato ai laboratori per il benessere e l’invecchiamento attivo e, infine, 250 sono stati coinvolti come protagonisti e fruitori dei due spettacoli teatrali messi in scena. La frequenza media mensile, da gennaio a maggio, è stata di 332 persone.

Tra gli screening realizzati vi sono quelli rivolti a prevenire o monitorare diabete, problemi dell’udito, Alzheimer e Parkinson, maculopatia senile nonché un percorso di “prevenzione rosa” con visite senologiche e mammografie.

Per quanto riguarda gli screening di Alzheimer e Parkinson, il monitoraggio è stato supportato dall’uso della robotica. A questi si è aggiunto un percorso di cure termali presso gli stabilimenti di Margherita di Savoia.

Le attività di promozione di momenti di socialità e invecchiamento attivo hanno visto gli over65 coinvolti in diversi laboratori tra cui quelli per la respirazione e il movimento, di ballo, teatrali, di scenografia, riciclo creativo, ceramica, digitalizzazione, robotica sociale, digitalizzazione e informatica nonché una serie di percorsi di formazione multidisciplinare realizzati grazie alla collaborazione con l’Università della terza età.

Le giornate di sensibilizzazione hanno spaziato su diversi argomenti di interesse per le persone anziane, da quelli dedicati alla prevenzione sanitaria a quelli centrati sulla cultura e la creatività.