Locomotive Jazz Festival a Sogliano Cavour

22

SOGLIANO CAVOUR (Lecce) – Coinvolgenti, divertenti, trascinanti. I Neri per Caso hanno lasciato una traccia indelebile in una Sogliano piena di energia, animata da musica e bellezza in una serata di fine luglio per il Locomotive Jazz Festival.

Ieri sera il sestetto campano, prezioso esempio di canto “a cappella”, ha ripercorso i grandi successi come “Le ragazze” o “Sentimento pentimento” passando per le cover più amate (da “Englishman in New York”di Sting a “Donne”di Zucchero) lanciandosi in omaggi canori dedicati a big delle sette note come Jovanotti, Claudio Baglioni, Pino Daniele, Mango e tanti altri, facendo scatenare il pubblico al ritmo di “Guantanamera”, o “La vida es un carnaval”. Perché quando uno (in questo caso sei) è bravo, lo è sempre, anche se intona brani presi in prestito dal mondo dei cartoon. Adorabile il siparietto dedicato a “Goldrake” o “Bia – la sifda della magia” che ha mandato in visibilio la platea.

Un coro nel coro per uno spettacolo vivace, divertente e allo stesso tempo emozionante, in cui la partecipazione attiva del pubblico ha aggiunto magia alla magia, per la gioia dei protagonisti.

<<Noi ci siamo divertiti – il commento di Ciro e compagni al termine dell’esibizione -. Creare questi momenti di scambio e condivisione con il pubblico aggiunge sempre quel qualcosa in più ai nostri spettacoli e stasera il coinvolgimento è stato assoluto e contagioso>>.

E non poteva essere diversamente. La bravura dei sei artisti è un tappeto magico su cui viaggiare oltre il tempo e i ricordi.

 

Viva la Musica

Il Locomotive Jazz Festival si muove nel solco della qualità, che è un po’ il filo rosso di tutta la kermesse. E “qualità” è l’aggettivo che ben si sposa anche con la sezione dedicata ai musicisti in erba, protagonisti del Locomotive Giovani, talenti straordinari che, anticipando l’esibizione dei Neri per Caso, hanno dato prova di capacità artistiche straordinarie. Sul palco: Giovanni Bisanti (voce/chitarra); William Laneve (batteria); Perla Catucci (basso); Giovanni Iorio (tastiera); Martina Di Florio (voce); Federico Falco (chitarra); Federico Nuzzone (batteria); Piofrancesco Zecca (basso); Davide Castelluccio (piano); Sara Torraco (voce e tastiera); Nicolò Buttazzo (chitarra); Lorenzo Attanasio (batteria); Emanuele d’Ippolito (basso); Nicoletta Panarese (voce); Edoardo Marasco (batteria); Matteo Coppola (congas).

E prima di loro Nicolò Gambino, compositore e strumentista raffinato e originale, ha creato un’atmosfera onirica e suggestiva con un sound particolare, tra ambient music e chillout con la preziosa collaborazione di “Cime di Rapa”.

 

31 luglio 2023

Questa sera, a Sogliano, appuntamento con il Quartetto del trombettista torinese Fabrizio Bosso che, con il piano e le tastiere di Julian Oliver Mazzariello, il basso e il contrabbasso di Jacopo Ferrazza e la batteria di Nicola Angelucci, presenterà un progetto unico nel suo genere: We Wonder, omaggio al genio musicale del re della black music, Stevie Wonder.

Bosso, riconosciuto come il miglior trombettista della Top Jazz e parte insostituibile di numerose formazioni di punta della nuova generazione del jazz italiano e non solo, gira il mondo, collaborando con grandi artisti internazionali, gestendo con estrema naturalezza il passaggio tra parti sinfoniche e improvvisazione e richiamando un pubblico sempre più vasto e fedele.

 

1 agosto 2023

Mentre domani sarà la volta di un altro formidabile quartetto, quello dell’icona del jazz Peter Erskine (alla batteria), con Alan Pasqua al pianoforte, Darek Oles al contrabbasso e George Garzone al sax.

Premiato con un Grammy Awards e membro fondamentale della fusion band Weather Report nella sua epoca d’oro, Erskine ha rappresentato il meglio del jazz americano dagli anni ’80 e il Post-Bop d’alta scuola, distinguendosi per i suoi assoli-prodezze, capaci di mescolare sonorità moderne con il fascino “old-style” del vecchio jazz acustico. Fuoriclasse su groove e variazioni al charleston, ha dato prova di dinamismo e versatilità degni del miglior session-man, sia nelle reinterpretazioni sia nelle composizioni originali.

 

2 agosto 2023

La colonna sonora di mercoledì serata sarà composta dalla Grande Orchestra Avion Travel, sul palco insieme ai giovani talenti della Medit Orchestra, diretta dal maestro Angelo Valori. Nati a Caserta negli anni ‘80 come “piccola” orchestra che si esibiva in club e teatri, gli Avion Travel crescono, si affermano, vincono Sanremo nel 2000 (dopo essersi aggiudicati il Premio della Critica due anni prima), conquistano il mercato internazionale, esplorano territori espressivi sempre nuovi, passano con disinvoltura dalla no wave di Arto Lindsay alle melodie italiane più classiche, dal rock al pop, senza mai tradire la loro natura di artigiani della musica.

Sul palco del Locomotive torneranno a raccontare e raccontarsi attraverso i loro arrangiamenti raffinati che fanno riferimento ad una nobile tradizione trasmessa e allo stesso tempo magistralmente tradita, grazie soprattutto al contributo della Medit Orchestra, valente progetto di produzione e ricerca, che rielabora e propone un repertorio incentrato sui nuovi linguaggi e tecnologie uniti agli strumenti della tradizione classica.

 

 

3 agosto 2023

Chiude la cinquina soglianese il padrone di casa, Raffaele Casarano, che presenterà il suo nuovo disco da solista, “Anì”, sorretto ancora una volta dalle percussioni di Alessandro Monteduro e affiancato per l’occasione dal compositore, produttore e polistrumentista DJ Bonnot (all’attivo più di mille concerti per il mondo e oltre 60 dischi), il pianista Mirko Signorile, che da anni eccelle sulla scena jazz nazionale, il batterista Marco D’Orlando e da un ospite d’eccezione, il musicista tunisino Dhafer Youssef, che con la sua voce cupa e tagliente e il suono inconfondibile del suo oud, da molti anni fa da ponte musicale tra oriente e occidente.

Sarà un viaggio intenso tra atmosfere impalpabili, suoni elettronici e suggestioni mediterranee, un live irripetibile immerso nel groove, che spazia dalla world music al rap, dai ritmi jazz alle sonorità orientali.

La felicissima serie di serate targate Locomotive, lascerà così la scena all’alba di San Cataldo, l’8 agosto, quando il sorgere del sole sarà accompagnato dall’incantevole voce di Annalisa.

 

L’evento si avvale della collaborazione di BTM – Business Tourism Management, responsabile dell’ufficio stampa, e del partenariato, tra gli altri, di Eurospin Italia, Links Management and Technology e La Gazzetta del Mezzogiorno.

Come ogni anno il Locomotive è in prima linea per sostenere il lavoro di diverse associazioni locali, unite dall’obiettivo di diffondere un’idea diversa di società, fatta di responsabilità individuali e collettive. Tra queste Triacorda Onlus, impegnata da tanti anni nella sensibilizzazione dell’intero territorio riguardo alla costruzione di un Ospedale pediatrico del Salento, alla quale sarà devoluto l’intero incasso della serata del 2 agosto, supportata anche da Enegan, energy parner.