Il progetto Razem & B nella chiesa di San Sabino

63

BARI – Martedì 29 agosto 2023, alle ore 21.00, nella chiesa di San Sabino a Bari, l’associazione Al Nour vincitrice del progetto “Le due Bari”, finanziato con i fondi Poc Metro 2014-2020, proporrà, con ingresso libero, il concerto “Razem & B” progetto di contaminazioni sonore che interseca brani inediti e arrangiamenti sperimentali.

Protagonisti di questo concerto saranno Badrya Razem, cantante italiana di origine araba tra le voci jazz più interessanti del panorama nostrano; Sandro Savino, pianista jazz riconosciuto a livello internazionale; Francesco Rondinone, uno dei batteristi più richiesti nel mondo del jazz e del pop; Gianfilippo Direnzo, bassista e contrabbassista, si esibisce in diversi contesti, principalmente jazz.

Sul palco ci saranno un microfono, un pianoforte un basso, una batteria e tanta fantasia, interazione e complicità tra i musicisti, per uno spettacolo ricco di emozioni che attraversano continenti e generi musicali differenti. Dal jazz, con tanta improvvisazione si spazierà al blues, soul, con brani in italiano e con alcune sorprese, tra le quali uno special guest.

Con questa esibizione – spiega la frontwoman Badrya Razem – presentiamo il nostro nuovo progetto con il quale proporremo sia degli inediti, sia delle cover di brani famosi. Il nome scelto non è un caso perché diamo spazio all’interpretazione giocando con l’assonanza al genere R&B, con il mio nome e la “b” che starebbe per band e altro ancora”.

Insieme a Badrya Razem, che nel suo percorso musicale ha collaborato, tra gli altri, con Bencini, Sandro Savino, Fabrizio Bosso, ci saranno  Sandro Savino, pianista jazz riconosciuto a livello internazionale, è un pianista poliedrico in continua evoluzione artistica, vincitore di diversi concorsi nazionali e internazionali e attivo in molteplici produzioni musicali; Francesco Rondinone, batteristi molto apprezzato non solo nel jazz e nel pop, ma anche nella progressive e contemporanea; Gianfilippo Direnzo, bassista e contrabbassista, che ha collaborato con diversi musicisti di calibro nazionale ed internazionale.

Siamo una band nella quale non c’è un leader. Io sono la cantante e rappresento il nostro progetto, ma tutti siamo importanti. Questo concetto è riportato nella nostra musica che ci rispecchia in pieno. Gli arrangiamenti con i quali presentiamo successi del passato sono focalizzati sulla ricerca del suono, che fosse comune e che ci piacesse”.