Prosegue il Festival Organistico del Salento, il 23 e il 24 settembre a Galugnano e a Corigliano

85

SALENTO – Prosegue il Festival Organistico del Salento che sabato 23 settembre alle 20.30 fa tappa a Galugnano nella Chiesa di Maria Santissima Immacolata, protagonista un duo salentino d’eccezione: il soprano Simona Gubello e l’organista Stefano Perrotta. Il concerto, a ingresso libero, è intitolato “Nulla in mundo pax sincera” ed è dedicato all’esplorazione del rapporto tra voce e organo e prende il titolo dal mottetto di Vivaldi che apre il programma della serata. Seguono l’Et incarnatus est e la Fantasia in fa minore K 608 di Mozart, l’Ave Maria di Caccini, Pie Jesu di Fauré. Chiudono il concerto lo Studio in forma canonica n. 4 Op. 56 di Schumann e il Rejoice Greatly di Händel. Particolarmente adatta al repertorio barocco e contemporaneo, Simona Gubello vanta numerose collaborazioni con ensemble cameristici e svariate esecuzioni con orchestra sia nel repertorio operistico che in quello sacro. Stefano Perrotta, organista salentino, inizia il suo percorso formativo dapprima al pianoforte per poi dedicarsi a dodici anni allo studio dell’organo con Fabio Paiano. Nel corso degli anni si è dedicato all’attività concertistica in Italia e in Norvegia, partecipando anche ad alcuni concorsi internazionali: al “First Malta Organ Competition” ha vinto il premio della giuria.
Domenica 24 settembre (alle ore 19.30), il Festival si sposta a Corigliano nella Chiesa di San Nicola con il concerto “Spagna Vs Italia”, protagonisti il violinista Josep Maria Manresa Aguilò e l’organista Josep Maria Mas Bonet, che ci condurranno nella musica spagnola e italiana del Cinquecento e del Seicento, interpretando brani tratti dal repertorio per tastiera di quei secoli. Da Vivaldi e Frescobaldi ad Antonio De Cabezón e Juan Del Encina e altri ancora. Anche questo concerto indaga l’intreccio sonoro tra voce umana e strumenti musicali. D’altronde, il primo mezzo di espressione sonora per l’uomo fu la voce, alla quale gli strumenti hanno poi cercato di ispirarsi. E l’intenzione di imitarla, nell’estensione e nel timbro, è evidente proprio negli strumenti scelti per questo concerto, il violino e l’organo, che tra i suoi effetti annovera anche il registro “vox humana”.

Il Festival Organistico del Salento, sotto la direzione artistica di Francesco Scarcella, è organizzato dall’Istituto di Cultura Musicale J. S. Bach di Tricase ed è cofinanziato dal Ministero della Cultura (FUS) e dalla Regione Puglia, col patrocinio del Conservatorio Tito Schipa di Lecce e di Unisalento nonché di tutte le Diocesi leccesi. Sponsor Caroli Hotels, IG Forniture e Alta Energia.
Tutti i concerti sono ad ingresso libero.