World Press Photo Talks: gli appuntamenti di mercoledì 29 e giovedì 30 novembre

23

BARI – Proseguono, nella sala conferenze del Teatro Margherita di Bari, gli incontri di World Press Photo Talks, la rassegna che affronta i grandi temi del contemporaneo con l’aiuto degli esperti e proprio a partire dagli spunti offerti dalla 66esima edizione della World Press Photo Exhibition.

Il ciclo continua con due appuntamenti realizzati in collaborazione con il dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli studi di Bari “Aldo Moro”: mercoledì 29 novembre alle ore 19.00 si svolgerà l’incontro dal titolo Migrare non è reato, condotto da Daniele Petrosino docente di Sociologia politica presso l’Università degli Studi di Bari: le migrazioni sono uno dei più significativi fattori di cambiamento sociale. La libertà di movimento è, peraltro, uno dei diritti fondamentali delle persone, che si scontra con un ordine mondiale in cui i confini costituiscono uno degli attributi fondamentali degli stati. La distinzione che a fini di controllo gli Stati adottano tra presunti diversi tipi di migrazioni, non sono un attributo dei migranti, ma sono dovute al modo in cui ciascuno Stato etichetta e regola chi entra in un paese e tali distinzioni sono sempre più difficili. In particolare, la distinzione tra richiedenti asilo, rifugiati e migranti economici non coglie il carattere misto delle migrazioni e non risponde a quelli che sono gli stessi bisogni di forza lavoro e ringiovanimento demografico delle società di accoglienza.

Giovedì 30 novembre alle ore 19.00, sarà la volta di Alfredo Ferrara, ricercatore presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli studi di Bari, che affronterà il tema dell’Egitto come paradigma mediterraneo tra subalternità e resistenza. Nell’Egitto di al-Sisi – che ha definitivamente archiviato le speranze democratiche nate con le Primavere arabe e con la caduta di Mubarak – è in corso una fase di modernizzazione autoritaria. La costruzione della New Administrative Capital – a qualche decina di kilometri da Il Cairo e sulla quale il governo autoritario punta per rilanciare un’economia in crisi – è emblematica di come le trasformazioni in atto nel paese inseguano in maniera subalterna modelli politici, sociali e urbanistici allo stesso tempo classisti ed estranei a quel complesso ed eterogeneo mondo che è il Mediterraneo. Allo stesso tempo, di fronte al cambiamento climatico e all’innalzamento delle acque, il governo impone la demolizione di un villaggio di pescatori ad Alessandria d’Egitto: un processo drammatico che sarebbe rimasto sconosciuto al mondo ma che, con un atto di resistenza intellettuale, un narratore visivo ha deciso di raccontare, consegnando al futuro una testimonianza delle ferite inferte all’umanità da un modello economico e politico ingiusto.

 

WORLD PRESS PHOTO TALKS

I PROSSIMI APPUNTAMENTI

 

Venerdì 1° dicembre | Ore 18.30

Willy. Una storia di ragazzi

Ospiti: Christian Raimo (Scrittore, Traduttore, Insegnante, Autore del podcast Willy. Una storia di ragazzi), Rosa Ferro (Media educator, Direttrice artistica di rassegne di Cinema Ragazzi), Torto O.G. (Rapper, Blogger, Autore).

Modera: Vincenzo Cramarossa

 

Domenica 3 dicembre | Ore 18.30 (in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari)

Un mare di cambiamenti. Passato, presente e futuro degli oceani: Geologia e Biologia dialogano

Ospiti: Cataldo Pierri (Docente di Zoologia Applicata presso l’Università degli Studi di Bari e Membro del Comitato Scientifico Marevivo Onlus), Caterina Longo (Docente di Zoologia presso l’Università degli Studi di Bari), Massimo Moretti (Docente di Geologia presso l’Università degli Studi di Bari) Stefania Lisco (Docente di Sedimentologia presso l’Università degli Studi di Bari).

 

Mercoledì 6 dicembre | Ore 19.00 (in collaborazione con l’Università degli studi di Bari)

“Donna, vita, libertà”: la lotta delle donne in Iran

Ospiti: Pegah Moshir Pour (consulente italo-iraniana e attivista di diritti umani e digitali), Francesca Romana Recchia Luciani (docente di storia delle filosofie contemporanee e coordinatrice del dottorato in Gender Studies dell’Università degli studi di Bari). Introduzione di Manoocher Deghati (fotoreporter, vincitore di World Press Photo e del Premio Pulitzer per la fotografia).

Modera: Maddalena Tulanti

 

Giovedì 7 dicembre | Ore 19.00 (in collaborazione con l’Università degli studi di Bari e il CIRP – Centro interdipartimentale di Ricerche sulla Pace “Giuseppe Nardulli”)

I diritti umani in tempo di guerra

Ospiti: Valeria Cirillo (docente di economia politica presso l’Università degli Studi di Bari) Costanza Pasquali Lasagni (operatrice umanitaria UNICEF)

 

 

 

INDICAZIONI PER L’ACCESSO

 

Tutti gli incontri presenti nel programma World Press Photo Talks si svolgono nella Sala Conferenza del Teatro Margherita di Bari, adiacente al percorso espositivo. L’accesso a tutti gli incontri è gratuito.

 

Resta intanto aperta ai visitatori fino al prossimo 10 dicembre, nello spazio espositivo del Teatro Margherita, la 66° World Press Photo Exhibition che, a Bari, è organizzata da CIME – realtà pugliese ormai tra i maggiori partner europei della World Press Photo Foundation di Amsterdam – con il sostegno della Regione Puglia e del Comune di Bari.

 

ORARI

Lunedì, Martedì, Mercoledì e Giovedì: 10.00 – 21.00
Venerdì e Sabato: 10.00 – 22.00
Domenica: 10.00 – 21.00
(La biglietteria chiude 30 minuti prima)
 

TICKET

●     TICKET INTERO: € 10,00

●     UNDER 30 | OVER 65: € 7,50

●     GIORNALISTI/E CON TESSERINO: € 7,50

●     GUIDE TURISTICHE CON TESSERINO: € 7,50

●     SCUOLE (scuole secondarie): € 4,00

●     GRUPPI: € 7,50 (min 15 persone, con prenotazione. Per ogni 15 visitatori, il 16esimo avrà un biglietto omaggio).

●     INGRESSO GRATUITO: diversamente abili e loro accompagnatori, ragazzi sotto i 12 anni e giornalisti con tesserino in corso di validità che abbiano fatto richiesta di accredito stampa almeno 48h prima tramite una mail all’indirizzo press@worldpressphotobari.it, con i dati necessari: nome e cognome, testata, e-mail.