Il concerto En plein air Lucanian Land music nell’auditorium Vallisa

19

BARI – Sabato 23 dicembre all’auditorium Vallisa di Bari, l’associazione Al Nour, diretta da Angela Cataldo, all’interno della rassegna del festival “Ya Salam”, proporrà lo spettacolo musicale “En plein air Lucanian Land music” di Arterìa e la presentazione del libro “Fuori Terra – non scordare la fisarmonica” di Mariella Procaccio

Si parte alle 20 (ingresso gratuito) con il momento dedicato alla disquisizione sul lavoro editoriale che pone al centro una famiglia tra radicamenti e sradicamenti, fughe e rientri. Presidente dell’Associazione Circoli Virtuosi Procaccio alla sua prima opera racconta gli avvenimenti di padre, madre, due figli maschi e la piccola Maria, narratrice del romanzo. La famiglia si sposta a Milano alla ricerca di migliori opportunità. Nel silenzioso e triste viaggio del progresso, attraverso paesaggi mai visti e nemmeno immaginati, si snoda il racconto delle radici, dei dolori e dei desideri che ogni membro della famiglia porta con sé. A dialogare con l’autrice ci sarà la giornalista Michela Di Trani.

A seguire, alle 21 (con ingresso a pagamento) avrà inizio “En plein air”, una produzione Arterìa e Bumbs records. Questo concerto si contraddistingue per l’utilizzo degli strumenti a percussione acustici ed elettronici su melodie scritte e pensate per il pianoforte e per altri organici in acustico e politimbrici. A suonarli ci saranno Michele Ciccimarra, Francesco Rondinone e Pino Basile (drums), Andrea Salvato (EWI), Biagio Orlandi (Sax), Loredana Paolicelli (Piano), Luca Acito, (video Art on Ledwall). La materia sonora viene mescolata, amplificata e “sporcata” da suoni panici, anno alle visioni di paesaggi che vanno dal nostro Mediterraneo al Nord Europa, dall’Oriente al Sudamerica fino all’Afroamericano. Il lavoro visuale del Video maker e artista Luca Acito dello Studio Antani di Matera, si ispira al concetto spaziale di En Plein Air fondato sull’esaltazione dei Paesaggi sonori. L’artista utilizza in diretta satellitare la visualizzazione dei paesaggi sonori delle terre che ospitano il progetto tramite Google Earth. Un lavoro di compenetrazione assoluta e concettuale tra musica e immagine in continuo movimento ed ispirazione su landscapes geografici, interiori ed antropologici.

Questo spettacolo è stato allestito grazie alla collaborazione di varie enti e associazioni di Basilicata, Puglia e Veneto: Fondazione Le Monacelle di Matera, Officine delle Arti di Mola di Bari, Comune di Ostuni, ArKestra Lab Rionero, Consorzio Concreto di Marconia, Associazione Al Nour, Aps Eleusi, Hd Library Brindisi, Comune di San Donà di Piave, Produzioni musicali Arteria, Associazione d’arte e cultura Matera.