Fra vigne, macchia selvaggia e fenicotteri rosa

8

Il magico volo dei fenicotteri rosa domina il litorale salentino nella terra del Primitivo e del Negroamaro. Domenica 16 giugno, in occasione le Giornate Nazionali del Cicloturismo promosse da FIAB (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) e ActiveItaly, la rete di tour operator impegnati nello sviluppo di un turismo attivo e sostenibile, si pedala lungo uno degli anelli di Ciclonica, la Ciclovia del Salento Ionico.

Si parte alle 9 da Manduria (piazzale della Stazione) per un percorso ad anello di circa 45 km per rientrare nel pomeriggio. L’iniziativa è organizzata da Vivilitalia, società che sta realizzando il progetto della Ciclovia del Salento Ionico, e Salento Bici Tour. Sarà possibile partecipare con bicicletta propria oppure con bici messe a disposizione gratuitamente dall’organizzazione fino a esaurimento disponibilità (info: asta.vivilitalia@gmail.com, 346/0862717). Alla partenza sarà offerto il caffè da House a SudEst, il progetto nato all’interno della Stazione Ferroviaria di Manduria, che si occupa di turismo sostenibile e mobilità lenta.

Il percorso attraversa le vigne e la selvaggia macchia mediterranea prima di arrivare sulla costa, dove la terra carsica esibisce le sue “spunnulate”. Nella Riserva del Litorale Tarantino Orientale la natura prende il sopravvento con la Salina dei Monaci e i suoi straordinari ospiti e con l’acqua gelida e brillante della foce del fiume Chidro.

“Con Ciclonica”, afferma Sebastiano Venneri, presidente di Vivilitalia, “il Salento ha un prodotto turistico in più disegnato per un mondo, quello di chi fa vacanze a pedali, che sta crescendo vertiginosamente con un giro d’affari che nell’ultimo anno ha raggiunto i 5,5 miliardi di euro. Il nostro lavoro non si è limitato solo a tracciare un itinerario, ma stiamo operando per creare una vera comunità accogliente che ha deciso di scommettere su una proposta di vacanza fortemente destagionalizzante dimostrando che anche in Salento un altro turismo è possibile”.

“Non solo numeri, ma anche qualità”, sono le parole di Carlo Cascione, di Salento Bici Tour e della Rete Active Italy, “il cicloturismo è una forma di vacanza che rispetta il territorio, genera un economia virtuosa valorizzando i piccoli produttori, i borghi dell’entroterra, i parchi e, soprattutto, ha un valore anche educativo sia per gli utenti, sia per le persone che vivono nei luoghi in cui si pratica questo tipo di attività. La salvaguardia del pianeta e del benessere collettivo è compito di tutte e tutti, e noi cerchiamo di fare la nostra parte, anche facendo rete con realtà virtuose come Legambiente e Fiab”

“Da oltre trent’anni diffondiamo la cultura del cicloturismo attraverso iniziative mirate e strumenti dedicati sia a chi viaggia sulle due ruote sia agli operatori turistici del settore”,  dice Angelo Fedi, responsabile Cicloturismo Fiab, “Il nostro impegno è anche nel farci ponte con l’Europa per portare nel nostro Paese pratiche e politiche di ECF-European Cyclists Federation e di EuroVelo, la rete ciclabile europea nata venticinque anni fa con l’obiettivo di contribuire alla diffusione del cicloturismo e della mobilità attiva in tutta Europa, sviluppando un indotto economico per i territori e le comunità toccate dai 17 itinerari che, nell’insieme, attraversano ben 42 paesi”.

Il progetto di Ciclonica – la Ciclovia del Salento Ionico è realizzato a cura della Green Community Ionico-Adriatica (PNRR Misura M2C1 inv.3.2), della quale fanno parte i comuni di Alliste, Avetrana, Galatone, Gallipoli, Manduria, Nardò, Porto Cesareo, Racale, Taviano, Ugento.

Le Giornate Nazionali del Cicloturismo promosse da FIAB e Active Italy si svolgono con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, di Confindustria ANCMA, Euromobility, ANCI, ANBI.