La XXX edizione della Festa della Musica risuona in Musei, Castelli e Parchi archeologici

84

PUGLIA – La musica come canale privilegiato di emozioni diventa parte integrante dei luoghi della cultura. Torna anche quest’anno la XX edizione della Festa della Musica, la manifestazione internazionale che in Italia è promossa dal Ministero della Cultura, dalla Rappresentanza italiana della Commissione Europea, il Dipartimento per le politiche giovanili, in collaborazione con la SIAE, il CAFIM, l’ANBIMA, la FENIARCO e coordinata dalla AIPFM – Associazione italiana per la Promozione della Festa della Musica.

 

Un cartellone di eventi di qualità, inclusi nel costo del biglietto di ingresso, caratterizzerà i percorsi di visita in alcuni luoghi della cultura afferenti al Castello Svevo di Bari – Direzione regionale Musei nazionali Puglia, spaziando dal jazz alla musica classica, dalle corpo-coreografie a mostre a tema.

 

Nel dettaglio:

A Castel del Monte si esibirà il duo di musicisti l’Ensamble Calixtinus, composto da Giovannangelo de Gennaro e Nicola Nesta, specializzati in repertori medioevali ed extraeuropei che presenterà un programma di canti e composizioni strumentali che pongono in connessione le musiche del medioevo europeo e le tradizioni del vicino oriente. La musica arabo-andalusa, le romanze sefardite e le danze del vicino oriente dialogano con le cantigas della Spagna medievale e la poesia in musica dei trovatori provenzali evidenziando una connessione profonda che valica i confini geografici e

Venerdì 21 giugno, inizio evento: ore 20.00

 

Il Castello Svevo di Bari ospiterà due eventi in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Nino Rota” di Monopoli:

–       venerdì 21 giugno, un quartetto di sassofoni farà “Mancar… il fiato!” al visitatore e lo accompagnerà in un viaggio musicale alternando agli scorci di vita degli assolati cortili urbani e delle festose sale da ballo parigine, quelli fumosi e variegati dei bordelli di Buenos Aires.

Inizio ore 17.00

 

–      Domenica 23 giugno, nella sala Normanna del Castello, le note della tromba, del flicorno e della fisarmonica condurranno il visitatore “Over the rainbow”. Evento realizzato con il supporto dell’associazione “Misure Composte”.

Inizio ore 12.00 (ingresso previa prenotazione, fino a esaurimento posti a sedere)

 

Al Museo Archeologico Nazionale di Altamura l’attenzione sarà rivolta alle migrazioni umane e musicali che hanno caratterizzato il passato e influenzato il sentire odierno. L’evento dal titolo “Migrazioni Musicali” in programma sabato 22 giugno, prende spunto dall’impeto esodale di gruppi diversi di Sapiens e Neanderthal, da paragonare agli spostamenti e alla migrazione della musica Jazz, dai suoi esordi ai tempi più recenti. Lungo è il cammino quasi bicentenario che porta dai ritmi tribali sincopati al blues o dalle worksongs fino a giungere al jazz moderno.

Il gruppo musicale “On the road trio” che animerà la manifestazione è composto da Vincenzo Cristallo, chitarrista diplomato con una lunga e variegata esperienza alle spalle, Sara Rotunno, voce vibrante preparatasi al conservatorio E. Duni di Matera, e Gianfilippo Direnzo, contrabbassista e bassista elettrico. Il trio proporrà una serie di brani che racconteranno la diffusione della musica jazz, partendo dalle worksongs dei neri d’America, passando ai ritmi sudamericani della Bossanova, virando allo stile “Manouche” noto anche come gipsy jazz e terminando con un omaggio all’Europa, fra Fado e musica contemporanea.

Sabato 22 giugno, inizio ore 11.30

 

·     Al Museo Nazionale Jatta di Ruvo di Puglia la serata di venerdì 21 giugno si aprirà alle 20 con una visita guidata dalla direttrice Claudia Lucchese sulla danza e la musica nei vasi della collezione Jatta. A partire dalle 20.45 avrà inizio uno degli eventi del Festival “Le Danzatrici en plein air”, con “Corpografico”, una proiezione artistica nell’atrio laterale del Palazzo, realizzata dalla coreografa Erika Guastamacchia e dalla video maker Sara Napoletano accompagnata dal vivo dal percussionista Gilberto Bufi, e a seguire con un concerto di celebrazione, durante il quale Bufi (ITA) duetterà con Vaggelis Gettos (GRE), suonatore di liuto classico e innovatore del repertorio popolare del Mediterraneo orientale con raffinate sonorità elettroniche.

Il Museo sarà eccezionalmente aperto dalle 20 alle 23.45 (ultimo ingresso 23.15) con il consueto biglietto di ingresso.

 

Il Castello di Copertino ospiterà l’esposizione etnografica “La banda musicale di Copertino, ieri, oggi e domani” a cura dell’Associazione Sbandas di Copertino. In accordo al tema della Festa della Musica 2024, “La prima orchestra siamo noi”, nasce l’idea di recuperare il patrimonio musicale storico che ha fatto parte di tanta tradizione locale creando un filo conduttore, narrativo e musicale, tra le generazioni di bandisti locali più anziani viventi e gli attuali associati alla banda cittadina.

Dal 21 al 29 giugno 2024 nelle Scuderie del Castello sarà possibile visitare l’esposizione etnografica, curatori: Emanuele Raganato e Marilina Caputo, con installazione di Rosanna Calcagnile direttrice dell’Accademia di Moda “Calcagnile”. Antichi strumenti musicali, fotografie storiche della Banda di Copertino, spartiti e la riproduzione dell’antica divisa della banda di Copertino del 1878 troveranno posto nelle Scuderie. Nella Sala Angioina spazio ai contenuti multimediali, interviste agli storici musicisti della banda di Copertino e proiezione di video e brani musicali interpretati dalla banda locale.

 

Il Museo Archeologico Nazionale e Castello di Manfredonia in collaborazione con l’associazione Il sogno di Marilù e il Conservatorio di musica “Umberto Giordano” di Foggia propone un laboratorio artistico -musicale dedicato ai bimbi tra i 4 e i 10 anni. Nel blu dipinto di blu è il titolo dell’iniziativa pensata per dare ai piccoli artisti e sognatori la possibilità di dipingere su tela, trasportati dalla musica. Un’esperienza di suoni e immagini, legata alla visione di figure e simboli presenti sulle opere del museo, che consentirà ai partecipanti di esprimere le proprie emozioni attraverso l’arte.

Le attività saranno accompagnate da esibizioni dal vivo e dalla musica del duo EOS composto da fisarmonica e flauto traverso.

Venerdì 21 giugno, inizio evento ore 16.30 – 18.00