Un nuovo episodio di “Gallipoli, Le Storie”, online venerdì 5 febbraio

285

GALLIPOLI (Lecce) – Un nuovo episodio di “Gallipoli, Le Storie.”, il format ideato, organizzato e realizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Gallipoli, sarà online, come da programma, venerdì 5 febbraio alle ore 10 sui canali social – Facebook e YouTube – del Comune di Gallipoli.

Eugenio Chetta, guida turistica e presidente dell’associazione culturale gallipolina Amart, narrerà in pochi minuti un’altra bellezza cittadina situata nel centro storico. Il nono dei venti episodi del format sarà infatti incentrato sulla Chiesa conosciuta dai più con il nome di Santa Teresa.

 

In realtà intitolata alla Sacra Famiglia, la chiesa è attigua al monastero delle Carmelitane scalze ed è uno dei pochissimi esempi di barocco leccese presente nel centro storico di Gallipoli.

Uno straordinario tripudio di dipinti, decorazioni scolpite nella pietra, colonne tortili e statue lapidee fanno di questo luogo sacro, uno spazio dell’anima molto affascinante. Chiesa e Monastero vennero realizzate per volontà del vescovo Antonio Perez de La Lastra, vescovo di origine spagnola che resse l’antica diocesi di Gallipoli alla fine del XVII secolo e che proprio in questa chiesa ha scelto di essere sepolto.

 

Dunque ancora racconti provenienti dalle strade, dalle corti, dalle chiese e dai frantoi: i cittadini di Gallipoli prendono parte a questa narrazione collettiva che si propone come uno scavare nell’immaginario cittadino. Una sorta di carta d’identità della città attraverso gli occhi e i cuori di chi la vive quotidianamente e ne custodisce i saperi e i tesori.

Il principale obiettivo è quello di favorire uno slancio culturale della città, ovvero quello di raccontare, attraverso i potenti mezzi dei social network, delle piccole pillole su Gallipoli per far scoprire agli utenti la bellezza che la città racchiude.