Il 27 aprile seminario “Cultura e rigenerazione urbana” in Fiera del Levante

Terzo incontro del ciclo sui nuovi scenari dell'urbanistica curato da Regione - Sezione Urbanistica e Asset. Un focus su Puglia, Torino e Helsinki

50

BARI – I processi di rigenerazione urbana e i loro nessi culturali saranno al centro del terzo seminario del ciclo “Città territori e paesaggi in trasformazione – L’Urbanistica tra integrazione delle conoscenze e innovazione normativa”, organizzato da Regione Puglia – Sezione Urbanistica e Agenzia regionale Asset. L’appuntamento è giovedì 27 aprile alle 9.30 in Fiera del Levante (Padiglione 152 – Regione Puglia, sala 2).

Il seminario – accreditato dagli Ordini professionali – punta a di indagare la complessità degli interventi di rigenerazione urbana e in particolare gli impatti significativi che la componente culturale determina sullo sviluppo urbano di medio-lungo termine. Si rifletterà, inoltre, sulle modalità con le quali la rigenerazione urbana possa promuovere approcci innovativi e integrati alla pianificazione urbana e territoriale. I casi studio affronteranno il tema da diverse angolazioni: l’innovazione processuale e normativa introdotta in Puglia nella prima stagione della rigenerazione urbana, le strategie sperimentali di riuso transitorio in ambito urbano mutuate dall’esperienza francese, le strategie culturali della rigenerazione urbana del Comune di Torino, e il caso della ex Cable Factory di Helsinki, il più grande centro culturale in Finlandia, esempio di trasformazione di un sito di archeologia industriale.

Introdurrà i lavori – diretta streaming su https://www.facebook.com/quiregionepuglia – l’ing. Francesca Pace, quindi i saluti del governatore Michele Emiliano, del consigliere delegato all’Urbanistica Stefano Lacatena, della dirigente regionale Urbanistica Luigia Brizzi e della segretaria regionale del ministero per la Cultura, Maria Piccareta.

A seguire, la presentazione dei casi studio, guidata dal direttore Asset Elio Sannicandro: la docente del Politecnico di Bari Laura Grassini parlerà dei processi di innovazione nelle esperienze pugliesi di rigenerazione urbana; Giovanni Ferrero, del Comune di Torino, interverrà sulle culture della rigenerazione urbana nel capoluogo piemontese; Paolo Cottino, amministratore unico K-City, su riuso transitorio e rigenerazione urbana; infine Kai Huotari, direttore generale Kaapelitehdas, illustrerà il caso del centro Kaapeli – Cable Factory a Helsinki. Chiuderà una tavola rotonda coordinata dalla docente del Politecnico Angela Barbanente, con Anna Maria Candela, Carlo Moccia, Eliana Garofalo, Francesco Rotondo, Sabina De Luca e Nicola Schingaro.

I seminari puntano a riflettere sul ruolo dell’urbanistica nei processi di trasformazione di città – le cosiddette Città attive – territori e paesaggi guardando a casi regionali, nazionali e internazionali, aprendo un dibattito multidisciplinare sui possibili scenari futuri.

Dopo gli incontri già dedicati a febbraio a Pnrr e pianificazione del territorio, e a marzo a paesaggio e sicurezza ambientale, gli ultimi due appuntamenti riguarderanno i binomi città e cambiamenti climatici (26 maggio), vivibilità e accessibilità (22 giugno).