A Chieuti la prima tappa di “Divini Sapori” con due giorni di eventi

Venerdì 28 il racconto per immagini, sabato 29 visita guidata, show cooking e spettacolo musicale. Il sindaco Iacono: "L'Alto Tavoliere sa fare squadra, onorati di dare il via al cammino del progetto"

48

CHIEUTI (Foggia) – Si terrà a Chieuti, venerdì 28 e sabato 29 aprile, la prima tappa di “Divini Sapori”, progetto finanziato dal GAL Daunia Rurale 2020 con il bando 4.4, con San Severo quale comune capofila, che da aprile a ottobre 2023 promuoverà il patrimonio materiale e immateriale di tutti i comuni dell’Alto Tavoliere: San Severo, Apricena, Chieuti, Poggio Imperiale, San Paolo Civitate, Serracapriola e Torremaggiore. Venerdì 28 aprile, alle ore 11, l’auditorium di Santa Maria degli Angeli ospiterà l’inaugurazione della mostra fotografica intitolata “Le terre dell’Alto Tavoliere”. Le opere saranno visibili e resteranno esposte fino a lunedì 1 maggio.

Sabato 29 aprile, sempre a Chieuti, la giornata alla scoperta dei “Divini Sapori” comincerà alle ore 10.30, nel cuore del paese, con una passeggiata culturale per scoprire i luoghi più belli del borgo.

Il tour sarà coordinato dall’associazione Culturale “Arteria”, alla quale è possibile rivolgersi per informazioni e prenotazioni con una mail a giorgiarimenti@gmail.com.

Alle ore 19.30, prenderà il via lo show cooking Divini Sapori. Saranno protagonisti uno chef locale, Giorgio Consilvio, e due chef influencer Gnambox. Lo show cooking sarà accompagnato dalla musica di Nazario Tartaglione. Autore e conduttore dell’evento Nick Difino, reporter enogastronomico e conduttore tv.

Gnambox è stato fondato da Stefano e Riccardo nel 2012, anno in cui iniziano a lavorare nel digital e nel mondo della comunicazione. Sono gli anni in cui esplodono i social e loro sono tra i primi a capirne il potenziale rivoluzionando il modo di comunicare e creando format innovativi.

Gnambox è un contenitore editoriale dove il cibo è il punto di partenza, il pretesto per parlare di uno stile di vita attraverso persone, luoghi, viaggi e passioni.

Fin dagli inizi il progetto ha avuto grande successo riscontrando il consenso di un ampio pubblico che ancora fedele dopo dieci anni segue ricette e consigli. Riccardo e Stefano studiano contenuti e sviluppano progetti di comunicazione per grandi brand sia online che offline e contano numerose importanti collaborazioni tra le quali IKEA, Veuve Cliquot, Miele, Sky, Nespresso, Eataly e molte altre. “E’ significativo, e ci fa molto piacere, che il tour alla scoperta dell’Alto Tavoliere inizi da Chieuti”, ha dichiarato il sindaco Diego Iacono. “Questo territorio sa fare squadra, e dovrà farlo sempre meglio di qui ai prossimi anni. Con la Marina a pochi chilometri dal borgo, il nostro paese ha la peculiarità di far parte di un’area interna e di essere, al contempo, una località interessata anche dal turismo balneare. Abbiamo anche altre due importanti peculiarità: Chieuti è conosciuto anche come “la porta di Puglia”, essendo il primo paese della regione per chi arriva da Nord, e si caratterizza per il fortissimo legame storico, linguistico e culturale con l’Albania. Chieuti, infatti, è un paese in cui accanto all’italiano si parla la lingua arbëreshë, quella degli albanesi d’Italia che fondarono la nostra comunità”. Sette comuni e il Gal Daunia Rurale, insieme, per promuovere il territorio, i borghi, la cultura e le eccellenze agroalimentari del vasto territorio dell’Alto Tavoliere. Il territorio sarà raccontato e promosso attraverso due press tour e ben sette eventi che si terranno dal 29 aprile al 9 ottobre 2023. Sapori, dunque, e non solo, perché gli eventi offriranno anche l’incontro con la musica popolare, le visite guidate per conoscere paesaggi naturali e borghi, le mostre fotografiche che mettono insieme talento e narrazione del territorio. I primi tre eventi si terranno a Chieuti (29 aprile), San Severo (13 maggio) e Torremaggiore (10 giugno). I due press tour, invece, si svolgeranno dall’8 all’11 giugno e dal 6 al 9 ottobre: il primo sarà dedicato al viaggio, il secondo al food. Centri storici ricchi d’arte e di storia, mare e siti naturalistici, cave di marmo monumentali, cantine ipogee e immense distese di grano, uliveti e vigneti fanno dell’Alto Tavoliere una delle destinazioni più interessanti e sorprendenti da scoprire.