Al via la tredicesima Stagione concertistica della Bottega dell’Armonia

24

BARI – Al via la tredicesima Stagione concertistica della Bottega dell’Armonia, sabato 13 maggio, alle ore 19, con un recital da camera nella chiesa di Santa Maria degli Angeli, a Bari (l’ingresso è libero). Il concerto, intitolato «Il suono e la voce», realizzato con il patrocinio dell’assessorato alle Culture del Comune di Bari, vede di scena il soprano Anna Ebel e l’organista Annarosa Partipilo, impegnate con brani di Frescobaldi, Händel, Pergolesi, Muffat, Durante, Porpora, Schubert, Massenet e Fauré. Dunque, sarà un viaggio che trasporterà l’ascoltatore dal Barocco del Sei-Settecento sino all’eleganza della musica francese e alla poetica del tardo romanticismo, con un passaggio attraverso il classicismo della scuola viennese.

Il concerto si aprirà nel segno di Girolamo Frescobaldi con la Bergamasca per solo organo e proseguirà con un medley di arie handeliane formato da «Ah mio cor», «Mio caro bene» e «Lascia ch’io pianga». Andando avanti il programma prevede il «Vidit suum» dallo «Stabat Mater» di Giovanni Battista Pergolesi e due pezzi di Francesco Durante, la preghiera «Vergin tutto amor» e l’arietta «Danza danza fanciulla gentile». Sempre al periodo barocco appartengono le composizioni dell’organista tedesco Georg Muffat, vissuto a cavallo tra Sei e Settecento, del quale si ascolterà il brano per solo organo «Aria sub Elevatione», e del musicista napoletano Nicola Porpora, dal cui repertorio è stata scelta l’aria «Alto Giove» dall’opera seria «Polifemo».

La fase di passaggio verso la modernità verrà incarnata da Franz Schubert e dai due Lieder «Serenata» e «Margherita all’arcolaio», ponte verso Jules Massenet, del quale viene proposta la «Méditation» dalla commedia lirica «Thaïs», e Gabriel Fauré con la sua romanza più celebre «Après un rêve” op. 7».

Prossimo appuntamento, sabato 27 maggio, alle ore 20, nella Casa del Mutilato, sempre a ingresso libero, con il Quartetto d’archi Felix affiancato dal clarinettista Leonardo Cattedra.