Le Due Bari: per la rassegna Confini Labili Peppe Servillo & Solis String Quartet live a Torre a Mare il 19 agosto

36

BARI – A Bari prosegueย Confini Labili, la rassegna organizzata e promossa dal centro interculturaleย Abusuanย in collaborazione con l’associazione culturaleย Radicantoย nell’ambito dell’avviso pubblico comunale “Le due Bari โ€“ Quartieri uniti nella cultura” a cura dell’assessorato alle Culture e finanziato dalla direzione generale Spettacolo del Ministero della Cultura (MiC). Un vero e proprio tour della cittร , che toccherร  cinque diversi quartieri, nell’ottica del superamento di qualsiasi confine tra centro e periferia e all’insegna di laboratori con le comunitร  e show dal vivo, tra musica, spettacolo e comicitร .

Dopo l’avvio di luglio dai quartieri San Pio e Mungivacca, ad agosto si riparte da Torre a Mare: appuntamento venerdรฌ 18 agosto alle ore 17.00 con il laboratorio di preparazione all’ascolto a cura diย Maria Giaquinto, che si terrร  nella sede dell’associazione Govindah (Viale Grotta della Regina 27/A, Torre a Mare โ€“ Bari). Il giorno successivo, sabato 19 agosto, sarร  la volta di una nuova serata di musica dal vivo, con ilย concerto di Peppe Servillo & Solis String Quartet,ย che avrร  inizio alle ore 21 nella Piazza di Torre a Mare, ingresso libero e gratuito.

Lo spettacolo, dal titoloย “Carosonamente”, sarร  interamenteย dedicato alla memoria di Renato Carosone:dopoย “Presentimento” e “Spassiunatamente”, con i quali hanno affrontato con dovuto rispetto capolavori della canzone classica napoletana, Peppe Servillo & Solis String Quartet portano in scena un nuovo concerto, un connubio affascinante tra musica e parole, storie vere e credenze popolari, storie del popolo e dal popolo. Dai classicissimi di Carosone “”Tu vuo’ fa l’americano”,” Torero” e “‘O sarracino”, passando per canzoni meno famose come ” Tre guagliune e ‘nu mandolino” a capolavori carichi d’ironia come “Pigliate ‘na pastiglia” fino a raggiungere canzoni e testi melanconiche del dopoguerra come “Giacca rossa ‘e russetto” e “T’aspetto ‘e nove”.

Come afferma lo stesso Peppe Servillo: “Si ride con le canzoni, ma non solo, Renato ci commuove, si commuove guardando con carezzevole ironia i suoi toreri, sarracini, americani. Carosone pensa con affetto la sua gente, con un umorismo semplice, dal basso, senza sarcasmo, senza potere, senza cattiveria nel sorriso. Egli ci porta lontano, sbagliando volutamente strada, per un imprevisto musicale e di parola, noi lo seguiamo sperando di non fare danni, magari ci travestiamo e fra di noi non ci riconosciamo”.

Nelle settimane successive e fino al 25 agosto, poi, la rassegna Confini Labili farร  tappa, ancora, nei rioni Carbonara e Japigia offrendo alla comunitร  la possibilitร  di partecipare ad altri laboratori di preparazione all’ascolto e di godere gratuitamente dei live show di artisti della musica del calibro diย Radicanto, in prima nazionale conย Ginevra di Marco,ย Rosapaedaย e della comicitร  travolgente dello spettacolo “Stasera con Uccio” del comico bareseย Uccio De Santisย accompagnato dalla squadra del Mudรน.

Confini Labili รจ una rassegna pensata per diventare un appuntamento ricorrente dell’estate bareseย e che mette in comunicazione arti e musiche allo scopo di permettere la condivisione di voci, culture, vissuti e identitร , attraverso la lingua universale della musica. Un viaggio per mare viatico e frontiera tra le culture che lo circondano, fatto di racconti e confessioni come quelle della cittร  di Bari, terra del fuoco e del sale, di sbarchi ed approdi, arsura e memoria.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.