Grecìa Salentina: “Archeogustando alla mensa del Marchese” a Melpignano

10

Un viaggio a ritroso nel tempo conduce a Melpignano, nella Grecìa Salentina, nell’elegante Palazzo Marchesale dove si rievocano le atmosfere del Rinascimento e si diventa nobili per una notte. Il 22 agosto, nell’evento “Archeogustando alla mensa del Marchese”, si vive una serata magica tra antiche note di un liutista che risuonano nell’aria e prelibate pietanze: pane tostato con salsa verde al dragoncello, formaggi di Masseria, pignata di verdure e grano nuovo, purea di fave secche e cicorie con crema di mele, finocchi e salvia, arrosto con composta di frutta secca e spezie; datteri, dolcetti di pasta di mandorla e torta di riso.

 

Una cena esperienziale unica, che rientra in Melpignano promuove cultura, il progetto pensato dall’Amministrazione Comunale guidata dalla giovane sindaca Valentina Avantaggiato e realizzato con Vivarch, Associazione di Promozione Sociale pugliese e altre realtà locali e nazionali per valorizzare il paese tutto l’anno, con eventi e itinerari unici.

 

Dopo il successo del 27 luglio si ripete l’originale momento conviviale a tema archeologia del cibo, che ripropone ricette e portate dell’epoca, con stoviglie riprodotte in base ai reperti rinvenuti nei siti locali di Roca Vecchia, Muro Leccese, Cutrofiano e Lecce. Eda Kulja, archeologa medievista e profonda conoscitrice della ceramica e del suo uso, oltre che del cibo rinascimentale, presenta il servizio da mensa, composto da piatti, bacini, scodelle, ciotole, brocche e bicchieri e ne spiega le forme, la tecnica di realizzazione e decorazione in base alla funzione: “Mai come nel Rinascimento mangiare bene e saper stare a tavola diventano un’arte. Il banchetto era un momento di festa, un rituale e la tavola il “palcoscenico” per esprimere l’estro della casata nobiliare e la bravura dei cuochi”.

 

Basta calarsi nella parte e affidarsi all’immaginazione per ritrovarsi nel 1636, quando Giorgio Castriota, dei Marchesi di Botrugno e signore di Parabita e altri feudi riconvertì il castello feudale quattrocentesco, dotato di torri merlate, cinta muraria, fossato e camminamenti di ronda, ancora oggi visibili, in una raffinata residenza. Oppure nel 1667 quando il feudo di Melpignano fu venduto per 22.250 ducati al marchese Francesco Acquaviva d’Aragona.

 

Si vive la magica atmosfera del Rinascimento durante la ricostruzione gastronomica e varcata la soglia del palazzo alle 19.30 gli ospiti in compagnia della guida visiteranno la cella carceraria e gli ambienti del piano terra, dove sulle volte sono visibili preziosi affreschi, come il mito di Lucrezia, emblema della fedeltà coniugale e le quattro virtù cardinali nella prima sala; mentre nella seconda appaiono motivi vegetali, episodi mitologici e scorci bucolici di un giardino con fontana. Lo stesso che si visiterà sul retro, prima di accomodarsi alla tavola imbandita. Ed ecco che il filo del tempo si riavvolge, ogni partecipante è invitato a lavarsi le mani nelle bacinelle con acqua odorosa e fiori profumati e una volta seduto gli si poggia il tovagliolo sulla spalla sinistra, secondo l’etichetta di allora.

 

Nella composizione del menu ci si è ispirati a usi e costumi del periodo: gli antipasti erano tra i più svariati tra cui formaggi con pane e paté. I cereali avevano un ruolo preponderante: grano, farro, orzo, miglio, avena e riso erano serviti in vari modi come zuppe, purea, focacce e torte. Tra i legumi più diffusi c’erano ceci, fave, fagioli dolici e una grande varietà di verdure accompagnava le pietanze: cavoli, rape, cardi, cicorie, carote, zucca, carciofi, come testimoniano gli stessi affreschi del Palazzo. La frutta arricchiva ogni pietanza, dalla carne ai dolci: mele, melograni, mele cotogne, prugne, uva, limoni, cedri, arance amare e non mancavano nocciole, mandorle, pinoli e fichi. L’Acqua era di fonte e il vino spesso allungato con il mosto cotto aromatizzato con le spezie.

 

Tra le portate si susseguono i racconti dell’archeologa e il suono di strumenti d’epoca, come il liuto di Andrea Cataldo, liutista, compositore e direttore d’orchestra, che eseguirà chanson, virelai e ricercare di importanti musicisti del tardo Medioevo e Rinascimento italiano, come Marco Dall’Aquila e Josquin Desprez per rendere la serata ancor più suggestiva. Info tel. 327 7128024

 

Archeogustando alla mensa del Marchese (22/8): visita guidata del Palazzo e cena rinascimentale con archeologa e accompagnamento musicale. Costo intero 40 €; costo ridotto 20 € per minori di 13 anni e gratuito sotto i 6 anni (menu ridotto).