“Natale a Torre Alemanna”, bilancio positivo. Tanta partecipazione di adulti e bambini

21

Tanta partecipazione tra bambini ed adulti agli eventi di “Natale alla Torre”, il calendario di appuntamenti che dal 9 dicembre al 6 gennaio hanno animato animare Borgo Libertà far conoscere le bellezze artistiche, storiche, culturali di Torre Alemanna, uno tra i pochi insediamenti fortificati dell’Ordine dei Cavalieri Teutonici ancora esistente nell’area mediterranea. L’iniziativa è stata organizzata dalla cooperativa sociale Frequenze, ente gestore della struttura di proprietà del Comune di Cerignola, insieme alla cooperativa Altereco, che ha risposto agli avvisi del Comune di Cerignola per attività di animazione territoriale per il periodo di dicembre-gennaio.

«Il bilancio degli eventi natalizi è più che positivo ed ha permesso a tanta gente di avvicinarsi al Complesso Museale di Borgo Libertà e di vivere una serie di avventure e di iniziative, attraverso modalità interattive e coinvolgenti» dicono gli organizzatori. Come l’albero di Natale, il mercatino, le bolle di sapone di Rukola, , lo spettacolo di magia di Alexis Arts, il laboratorio con l’argilla a cura di Verderamina, il contest la pizza sette sfoglie pizza sette sfoglie in collaborazione con la cooperativa sociale “Padre Pio”, le canzoni che hanno esplorato la musica cantautorale italiana con la voce di Fulvio Frezza e la chitarra di Domenico Mezzina, la presentazione del libro “Masserie” di Domenico Carbone con Club per l’Unesco di Cerignola. E poi la conoscenza e l’esplorazione di Torre Alemanna, che affonda le sue radici nelle affascinanti vicende di cavalieri legati all’imperatore Federico II e oggi è sede del Museo delle ceramiche del XV-XVI secolo.

Anche grazie allo spirito natalizio di “Natale alla Torre”, quindi, è stato possibile recuperare le tradizioni che da sempre contraddistinguono il territorio dauno e cerignolano in particolare; e le più antiche usanze culinarie si sono coniugate con i giochi e la magia che caratterizzano di consueto questo periodo dell’anno. «Se il Circolo è diventato un accogliente salotto pronto ad ospitare eventi buoni a svolgersi comodamente seduti, circondati da addobbi brillanti e colorati, fuori bellissime luminarie hanno acceso il cortile dove si sono esibiti artisti di strada, e illuminato mercatini di artigianato e di cibo che hanno accompagnato la permanenza delle famiglie presso il complesso museale» concludono i promotori dell’iniziativa.