La Morte te lu Paulinu Cazzasassi chiude il Carnevale della Grecìa Salentina

15
Dopo la straordinaria Sfilata di Carri allegorici e Gruppi mascherati che ha allietato migliaia di partecipanti domenica scorsa il Carnevale della Grecìa Salentina e Martignanese chiude i suoi riti con la mascherata de La Morte te lu Paulinu Cazzasassi.
Quello di martedì 13 febbraio 2024 in Piazza della repubblica è infatti l’evento che condensa lo spirito del Carnevale e lo espia in un rito di trapasso dall’opulenza alla penitenza ed al raccoglimento spirituale. Ma quanta allegria, quanta ironia, nella morte de lu Paulinu; rivivono le atmosfere delle feste medievali di “Inversione” dei ruoli sociali quando ai contadini era concesso dire tutto ciò che pensavano dei loro padroni; e delle feste romane denominate “Pasquinate”, quando sulla statua di Pasquino (dal nome di un sarto o forse di un barbiere che parlava male dei papi e cardinali) venivano affissi biglietti di invettiva contro i potenti e i clericali.
Rivive con lu Paulinu la pratica, lontana, medievale presente nelle composizioni satiriche che venivano recitate e cantate in occasione delle feste più importanti del calendario, in particolare carnevale, che è quella dei testamenti di animali, in particolare maiali e asini, ma anche lupi o tacchini, che preludono all’uccisione sacrificale o più semplicemente alla morte degli animali che rappresentano il Carnevale giunto al limite dei suoi giorni mentre incombe la Quaresima.
La comunità di Martignano e tutti coloro che vorranno liberamente parteciparvi saranno coinvolti con i grotteschi riti funebri de La Morte te lu Paulinu Cazzasassi, dalla veglia Chiangimorti, al corteo funebre (ore 18.30 circa partenza dalla camera ardente allestita a Piazza Palmieri), allo spettacolo teatrale in vernacolo (ore 19.30 circa), al successivo tradizionale pasto consolatorio (Lu Consulu!), con la lettura del testamento e infine con il rogo dell’amato Paulinu e l’arrivo delle Quaremma (Saracosteddha in lingua grika), le tetra figura che rappresenta la Quaresima, con i loro simbolismi (dall’arancia amara con le sette penne di gallina, al fuso e alla canocchia) che richiamano tra l’altro al trascorrere del tempo mesto fino alla Pasqua e alla caducità della vita appesa.
Una giornata scandita dall’ironia e dall’irriverenza dei personaggi che animano ormai da 34 anni una delle manifestazioni carnevalesche più singolari di Puglia. Quest’anno il consueto canovaccio teatrale si manifesterà con la farsa teatrale in atto unico di Antonio Apostolo “La Sco…merica de l’aperta” con personaggi e interpreti la Nina Sconza (Luigi Calò), la Licchia Capocchia (Oronzo Verri), Vitucciu (Gabriele Petruzzo), la domestica (Lucia Caldararo) e Don Nicola (Barnaba Friolo). Uno spettacolo che si inserisce nel tema del viaggio scelto per caratterizzare l’edizione 2024 del Carnevale.
A conclusione del rito del fuoco l’arrivo della Quaremme sarà animato dagli studenti della scuola secondaria di primo grado di Martignano, frequentanti il laboratorio di animazione teatrale tenuto dall’attrice e performer Michela Marrazzi.
La Morte te lu Paulnu Cazzasassi è realizzata dal Gruppo Amici te lu Paulinu, in collaborazione con il Comune di Martignano, del Coordinamento del Carnevale Griko (con la Pro Loco “A. Martano” di Martignano, il Gruppo Donatori di Sangue Fratres “A. Rosato” di Martignano, la Cooperativa sociale Open di Parco Palmieri), dell’Istituto Comprensivo di Calimera, Caprarica di Lecce e Martignano, e della Sartoria Popolare.